Conclusa l’indagine sul fallimento della Progress MS-04

Il terzo stadio del vettore Soyuz-U al momento dell'integrazione con la Progress MS-04. Credit, RSC Energia.

Lo scorso 11 gennaio 2017, la commissione d’indagine presieduta da Igor Komarov, Direttore Generale di Roscosmos, ha rilasciato i risultati sulle cause che hanno portato alla distruzione dell’ultima navetta cargo automatica russa durante l’ascesa verso l’orbita l’1 dicembre 2016.
Il termine dell’indagine, inizialmente previsto per lo scorso 20 dicembre, era stato rimandato più volte a causa della difficoltà nel risalire alle cause per l’estrema velocità con cui l’anomalia si è sviluppata e l’interruzione dei dati telemetrici da analizzare.

Secondo la commissione l’inizio della sequenza degli eventi è imputabile ad un malfunzionamento della turbopompa dell’ossigeno liquido che alimenta il  propulsore RD-0110 (LOX/Kerosene) del terzo stadio del vettore Soyuz-U.
Nello specifico un corpo estraneo penetrato nella cavità della girante o un eccesso di vibrazione della stessa dovuta ad un assemblaggio non conforme, avrebbe innescato un’esplosione all’interno della turbopompa che si sarebbe disintegrata compromettendo l’intero propulsore ed il relativo serbatoio dell’ossidante soprastante, che sarebbe quindi esploso.

Il propulsore RD-0110 con le sue quattro camere di combustione. Credit Andrew Butko, Wikipedia.

La disintegrazione del serbatoio dell’ossigeno liquido avrebbe infine causato la separazione anticipata della Progress dal terzo stadio, con conseguente collisione tra i due e rientro distruttivo in atmosfera mentre si trovavano a 190 km di altezza sopra la Repubblica di Tuva in Siberia.

Che si tratti di un corpo estraneo o di un difetto della turbopompa, l’anomalia viene ricondotta alla fase di costruzione presso il Khimavtomatiki Design Bureau nella città di Voronezh, dove una probabile violazione nell’assemblaggio delle parti rotanti della pompa, quali per esempio l’albero o i cuscinetti, avrebbe portato ad uno sbilanciamento ed eccessiva vibrazione, in effetti registrata dai sensori durante le ultime fasi del volo.

Roscosmos ha inoltre comunicato che al più presto verranno introdotte nuove misure attuative sulla linea di produzione per garantire il successo dei prossimi lanci Progress, il primo dei quali avverrà verso la fine di febbraio con la missione MS-05, sempre di rifornimento alla ISS.
Nessuna indicazione è stata rilasciata a riguardo di quale vettore verrà utilizzato, se ancora il Soyuz-U, comunque al suo ultimo volo, o con il Soyuz-2.1a destinato a sostituire la versione U ma che nell’aprile 2015 subì un fallimento simile con la navetta Progress M-27M.

Fonte: TASS

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=26174.0

Simone Montrasio

Appassionato di astronautica fin da bambino, gli studi ed il lavoro mi hanno tenuto occupato nel settore chimico industriale fino al 2011 quando ho deciso di cambiare completamente vita e dedicarmi alla campagna. Collaboro felicemente con AstronautiNEWS dalla sua fondazione con una pausa sabbatica tra il 2011 ed il 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.