Record di permanenza nello spazio per Jeff Williams

Jeff Williams durante una fase di test presso il JSC (C) NASA

Lo scorso 24 Agosto, il comandante della Expedition 48 Jeff Williams ha superato il record per un astronauta americano, finora detenuto dal suo connazionale Scott Kelly, per il maggior numero di giorni complessivi nello spazio (520 finora).

Per l’astronauta americano si tratta della quarta esperienza nello spazio e della terza missione di lunga durata. La sua prima missione risale al 2000, la STS-101, prendendo parte successivamente alle Expedition 13 e 21 nel 2005 e 2009, rispettivamente, per poi essere nominato comandante nella Expedition 22 nel 2010. Durante quest’ultima missione, inoltre, fu il primo astronauta ad interagire con i fan e follower di NASA sui social media.

La sua carriera nell’agenzia spaziale americana ha inizio nel 1996, quando venne selezionato come astronauta. Oltre a partecipare a missioni spaziali, Jeff Wiliams ha contribuito a diverse mansioni tecniche sia nell’ambito del programma Space Shuttle che dell’International Space Station, tra cui lo sviluppo di un modello avanzato di cockpit negli space shuttle. Durante la missione STS-101, la terza missione spaziale utilizzata per la costruzione della ISS, l’astronauta americano ha collaborato all’installazione e messa a punto di oltre 2000 Kg di equipaggiamenti e rifornimenti sulla Stazione Spaziale,  compiendo anche la sua prima EVA, della durata di circa sette ore. Nel corso della Expedition 22, invece, ha contribuito all’installazione del modulo Tranquillity e della cupola.

Ha inoltre preso parte a quattro passeggiate spaziali (di cui l’ultima è avvenuta lo scorso 24 Agosto), per un totale di circa 25 ore. Williams farà ritorno sulla Terra il prossimo 6 Settembre, per un totale di 534 giorni trascorsi in orbita.

Fonti: NASA

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=25627.0

Valeria Parnenzini

Appassionata di spazio e tecnologia, collabora con AstronautiNEWS da Agosto 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.