L’esperimento SAFFIRE a bordo della Cygnus

La capsula automatica Cygnus di Orbital ATK, battezzata “S.S. Rick Husband” in onore del comandante dell’ultima tragica missione dello shuttle Columbia, dopo aver lasciato la Stazione Spaziale Internazionale lo scorso 14 giugno ed essersi posizionata ad un’adeguata distanza di sicurezza, è stata protagonista in un particolare esperimento incendiario avvenuto a bordo.

Saffire spaccato

Spaccato dell’esperimento SAFFIRE-I, a sinistra il compartimento per l’avionica ed a destra la camera di combustione con la stricia di materiale combustibile.

L’esperimento SAFFIRE-I (Spacecraft Fire Experiment-I ), sviluppato dal Glenn Research Center e dall’Advanced Exploration Systems Division della NASA, ha visto l’ignizione e la combustione, controllata e contenuta, di un apposito carico all’interno della Cygnus.
Il combustibile era una striscia, di 90 x 40 cm composta di un mix di fibra di vetro e cotone, materiale normalmente utilizzato per gli interni delle capsule e le attrezzature degli astronauti.

Saffire 2016-1

La propagazione della combustione da destra verso sinistra.

La propagazione della combustione lungo il campione è stata registrata da sensori e videocamere e, contrariamente ai 20 minuti previsti, si è spontaneamente estinta dopo 8 minuti.
Questo è stato il primo di una serie di tre esperimenti, tutti previsti a bordo di capsule Cygnus, che serviranno a definire le caratteristiche di infiammabilità e resistenza dei materiali che verranno utilizati nelle “Deep Space Missions” future.

Un ultimo esperimento, denominato Reentry Breakup Recorder (REBR), ha registrato una serie di parametri della capsula durante il rientro distruttivo in atmosfera, avvenuto ieri 22 giugno, che ha ufficialmente concluso la missione OA-6.

La S.S. Rick Husband era stata lanciata lo scorso 22 marzo dalla Cape Canaveral Air Force Station a bordo di un Atlas V di ULA,  4 giorni dopo era stata catturata dal braccio robotico della ISS e quindi agganciata al modulo statunitense Unity, dove è rimasta per il tempo record di 80 giorni.
A bordo aveva 3600 kg tra provviste, materiali di consumo, materiale elettronico, informatico e fotografico, parti di ricambio per le tute spaziali ed esperimenti scientifici.

La prossima missione OA-5, che per motivi di opportunità di lancio era stata retrocessa, è attualmente prevista per il prossimo 6 luglio e vedrà, dopo l’eclatante esplosione al lancio della missione Orb CRS-3, il ritorno del vettore Antares nella nuova versione 230 con i propulsori RD-181 russi.

Fonte e foto credit: NASA

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=25372.0

Simone Montrasio

Appassionato di astronautica fin da bambino, gli studi ed il lavoro mi hanno tenuto occupato nel settore chimico industriale fino al 2011 quando ho deciso di cambiare completamente vita e dedicarmi alla campagna. Collaboro felicemente con AstronautiNEWS dalla sua fondazione con una pausa sabbatica tra il 2011 ed il 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.