Finita l’emergenza detriti sull’ISS

I principali detriti spaziali che circondano la Terra.
I principali detriti spaziali che circondano la Terra.

L’equipaggio della stazione spaziale è stato costretto a prendere posto nella Sojuz in via cautelativa per il passaggio ravvicinato di un detrito proveniente da un vecchio satellite meteorologico sovietico. L’emergenza è rientrata e le attività a bordo sono tornate alla normalità.
Normalmente, i servizi di sorveglianza a terra riescono ad individuare potenziali collisioni in tempo utile per effettuare delle piccole manovre correttive volte a scongiurare ogni impatto. Accade, tuttavia, che alcuni oggetti vengano identificati troppo tardi per questo tipo di manovre: si tratta dei cosiddetti “Red Late Conjunctions”. In questo caso, la regola di volo B4-101 prevede che il personale di bordo chiuda i portelli tra i vari settori della stazione e prenda posto sulle Sojuz in modo da poter abbandonare l’orbita velocemente in caso di necessità.
L’episodio di ieri, 16 luglio, ha costretto Gennady Padalka, Mikhail Kornienko e Scott Kelly a chiudersi nella capsula russa per circa 10 minuti. Quando si è avuta conferma del passaggio senza incidenti del detrito spaziale, i tre sono ritornati alle attività programmate, prima fra tutte la manutenzione del dispositivo di rimozione del CO2 (Carbon Dioxide Removal Assembly – CDRA).
Si è trattato della quarta volta, nella storia dell’ISS, che l’equipaggio si è visto costretto a mettere in pratica la procedura B4-101.

  Copyright Associazione ISAA 2006-2020 - Vedi qui i dettagli della licenza.

Discutine con noi su ForumAstronautico.it

Sviluppi e aggiornamenti su questa notizia sono disponibili su ForumAstronautico.it

Paolo Actis

Paolo ha collaborato con AstronautiNEWS dal maggio 2008 al dicembre 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.