L+149: Capire come ingannare le ossa per migliorarne l’efficienza

Samantha Cristoforetti lavora all'esperimento Osteo-4 in una scatola a guanti. Credit: ESA/NASA
Samantha Cristoforetti lavora all'esperimento Osteo-4 in una scatola a guanti. Credit: ESA/NASA

Dal Diario di bordo di Samantha Cristoforetti (nota scritta il 22/04/2015):

Avamposto Spaziale ISS. Orbita Terrestre—Giorno di missione da 149 (21 aprile 2015)—Ieri un’altra giornata di scienza qui nell’avamposto dell’umanità nello spazio!

Innanzitutto, sarete lieti di sapere che i BRIC di cui vi ho parlato nell’ultima nota del diario si stanno felicemente raffreddando a -98° Celsius in uno dei nostri congelatori MELFI: dopo che ho attivato l’esperimento lunedì, le colture batteriche sono rimaste a temperatura ambiente per circa 24 ore e poi è arrivato il momento di conservarle al freddo, dove staranno fino a quando potranno essere riportate sulla Terra.

Ieri ho anche eseguito la terza e ultima sessione dell’esperimento Osteo-4, arrivato con Dragon la settimana scorsa. È un gruppo di tre vassoi, ciascuno dei quali comprende tre bioreattori con una coltura di cellule ossee di topo. L’obiettivo è studiare il meccanismo di meccano-trasduzione, che sostanzialmente significa che il tessuto osseo “percepisce” le forze meccaniche e risponde con un particolare comportamento. Questo è probabilmente il motivo per cui perdiamo massa nello spazio: in assenza di peso non c’è molto carico sul nostro scheletro, quindi la risposta del corpo è di ridurre la massa ossea. Se solo potessimo convincere il nostro corpo che torneremo sulla Terra entro pochi mesi e tutta quella massa ossea tornerà utile! Per cercare di mandare quel messaggio sottoponiamo le ossa a una sollecitazione meccanica allenandoci ogni giorno su una macchina, ARED, che simula il sollevamento pesi.

Samantha Cristoforetti lavora all'esperimento Osteo-4 in una scatola a guanti. Credit: ESA/NASA

Con l’esperimento Osteo-4 nella scatola a guanti. Credit: ESA/NASA

A ogni modo, tornando al nostro esperimento, il punto è studiare l’espressione genica negli osteociti in microgravità: questo perché gli osteociti, che sono le cellule più comuni nelle nostre ossa, sono i sensori meccanici dell’osso; sono responsabili di percepire i carichi meccanici e indurre le opportune risposte biologiche. Come funzioni questo meccanismo, tuttavia, è ancora un po’ un mistero. Qui entra in gioco Osteo-4!

Quanto al mio contributo, il mio lavoro è consistivo nel rimuovere i bioreattori dai vassoi su cui sono installati, riconfigurare i condotti per chiudere tutti i circuiti e poi conservare al freddo i bioreattori. Ciò che lo ha reso più scomodo di quanto potrebbe essere è che, come potete vedere nella foto, ho dovuto lavorare nella scatola a guanti usa e getta… la mia vecchia amica dell’esperimento sui moscerini della frutta, ricordate?

Nota originale in inglese, traduzione italiana a cura di Paolo Amoroso—AstronautiNEWS. Leggi il Diario di bordo di Samantha Cristoforetti e l’introduzione.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=23418.0

Samantha Cristoforetti

Dal 2009 è un’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Il lancio della sua prima missione, in cui trascorrerà circa sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale, è previsto per il 24 novembre 2014. È inoltre un ufficiale pilota dell’Aeronautica Militare Italiana con il grado di Capitano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.