Il primo nodo del sistema EDRS pronto al lancio

Il terminale di comunicazione laser di TESAT Spacecom è integrato nel satellite Eutelsat-9B negli stabilimenti di Airbus Defence and Space di Tolosa in Francia. Credits: Airbus Defence and Space
Il terminale di comunicazione laser di TESAT Spacecom è integrato nel satellite Eutelsat-9B negli stabilimenti di Airbus Defence and Space di Tolosa in Francia. Credits: Airbus Defence and Space

Il primo componente dell’autostrada dei dati europea ha superato quest’estate molti test critici che replicavano le severe condizioni del lancio e dello spazio che a breve dovrà sopportare.

La rete di trasmissione denominata European Data Relay System (EDRS) sarà composta da 2 nodi in orbita geostazionaria. Questi riceveranno i dati dai satelliti in orbita bassa tramite connessioni sia laser che radio e li ritrasmetteranno a terra. Il sistema sarà complementare alla rete esistente e assicurerà la disponibilità quasi in tempo reale delle informazioni per gli eventi critici dal punto di vista del tempo come il monitoraggio ambientale, la risposta a emergenze e le missioni di sicurezza.

Il satellite Eutelsat-9B/EDRS-A è assemblato negli stabilimenti di Airbus Defence and Space di Tolosa in Francia. Credits: Airbus Defence and Space

Il satellite Eutelsat-9B/EDRS-A è assemblato negli stabilimenti di Airbus Defence and Space di Tolosa in Francia.
Credits: Airbus Defence and Space

Oltre alla tecnologia sofisticata, l’elettronica di bordo dovrà anche essere sufficientemente robusta per sopportare gli stress del lancio e della vita operativa nello spazio.

Il primo elemento, denominato EDRS-A, è costituito da 3 strumenti ospitati sul satellite Eutelsat-9B che dovrebbe essere lanciato il prossimo anno:

  • il primo strumento è un terminal laser (nella foto di apertura) capace di ricevere 1.8 Gbit/s di dati da un satellite distante fino a 45.000 Km.
  • il secondo è un terminale radio capace di 300 Mbit/s, un grande passo avanti rispetto ai sistemi attuali
  • il terzo infine è un “opportunity paylaod” finanziato dall’agenzia spaziale italiana ASI che opererà indipendentemente dal sistema EDRS fornendo servizi braodcast all’Italia.

I test si sono svolti in Francia a Tolosa presso le installazioni di Airbus Defence and Space che è il primo appaltatore del satellite Eutelsat-9B.

Il satellite Eutelsat-9B/EDRS-A allinterno della camera thermal-vacuum negli stabilimenti di Airbus Defence and Space di Tolosa in Francia. Credits: Airbus Defence and Space

Il satellite Eutelsat-9B/EDRS-A allinterno della camera thermal-vacuum negli stabilimenti di Airbus Defence and Space di Tolosa in Francia.
Credits: Airbus Defence and Space

Dopo il collegamento dei suoi due principali moduli, il satellite e i carichi che ospita hanno affrontato nel mese di luglio il test nella camera thermal vacuum che dura circa un mese; il test successivo è stato quello delle vibrazioni volto a testare la loro resistenza agli scossoni del lancio; quindi è stata la volta del passaggio nella camera dei test acustici. Tutto è andato per il meglio e satellite e strumenti sono usciti illesi da tutti questi test. Adesso si è passati al test finale relativo alle radio frequenze al termine del quale verranno installati i pannelli solari e le antenne che segneranno l’inizio della preparazione per il lancio.

La tedesca TESAT Spacecom è il primo appaltatore degli strumenti del sistema EDRS e fornisce anche i terminal laser sui 4 satelliti per osservazione della Terra in orbita bassa Sentinel-1 e Sentinel-2. Questi satelliti, che fanno parte del programma europeo Copernico, ridurranno il ritardo di trasmissione a terra dei propri dati grazie alla grande flessibilità del nuovo servizio.

La SpaceDataHighway EDRS è un sistema di trasmissione dati gestito commercialmente come una partnership pubblico-privato tra ESA e Airbus Defence And Space che in qualità di primo appaltatore costruirà e cofinanzierà l’infrastruttura, così come fornirà i servizi di trasmissione dati a ESA e ai clienti nel mondo.

Come detto il sistema sarà composto da 2 nodi in orbita geostazionaria con EDRS-A a 9° Est e a 31° Est EDRS-C che dovrebbe essere ospitato su un satellite in corso di sviluppo basato sulla piattaforma SmallGEO della società tedesca OHB System AG di Brema. Questi 2 nodi si occuperanno di assicurare in ogni momento le comunicazioni tra satelliti in orbita bassa o mezzi terrestri/aerei/marini e le stazioni di terra allo stesso modo del Tracking and Data Relay Satellite (TDRS) americano che è stato sviluppato per gli stessi scopi: aver connessione in tempo reale con mezzi in qualunque parte dell’orbita senza dover ricorrere a stazioni di terra dislocate fuori dai confini nazionali con conseguenti problemi di sicurezza e potenziali cadute del segnale per problemi politici in loco. Analogamente a quello americano il sistema europeo per avere una copertura così globale avrà bisogno di altri satelliti da posizionare in orbita geostazionaria e infatti ESA e Airbus Defence and Space stanno già lavorando a un”estensione del programma denominata Globnet.

ESA guida il progetto a nome degli stati membri come parte del programma Ricerca Avanzata nei Sistemi di Telecomunicazione.

Fonte: ESA

Nella foto di apertura il terminale di comunicazione laser di TESAT Spacecom è integrato nel satellite Eutelsat-9B negli stabilimenti di Airbus Defence and Space di Tolosa in Francia.

Credits: Airbus Defence and Space

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=22345.0

Rudy Bidoggia

Appassionato di spazio e di tutto ciò che è scienza dalla tenera età, scrive dal 2012 per AstronautiNews. Lavora come tecnico informatico presso un'azienda metalmeccanica del Friuli Venezia Giulia.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.