NASA seleziona nuove proposte per immagazzinare energia

Lo Scarab Lunar Rover sviluppato per l'esplorazione dei crateri polari della Luna. Credit: (C) Carnegie Mellon University.

Giuseppe Corleo

Ingegnere meccanico per corso di studi, informatico in ambito bancario per professione, appassionato di tutto ciò che riguarda astronomia, astronautica, meccanica, fisica e matematica. Articolista del sito Astronautinews.it dal 2011.

4 Risposte

  1. Marco Bruno ha detto:

    Molto interessante, anche se m i sembra che i fondi siano ancora esigui. Occhio alla traduzione, “silicon” è silicio, non silicone (“silicone”).

  2. MoneTesla ha detto:

    La foto in copertina che cosa rappresenta…sembra un qualche tipo di veicolo lunare!

    • giuseppe corleo ha detto:

      Si tratta del rover lunare Scarab, in corso di sviluppo presso il Robotic Institute della Università Americana Carnegie Mellon di Pittsburgh in Pennsylvania.

      Questo rover è stato studiato per l’esplorazione e l’analisi dei crateri lunari vicini ai poli del nostro satellite, in condizioni di scarsa illuminazione da parte del Sole e di difficili comunicazioni con la Terra.

      Maggiori informazioni si possono trovare sul sito specifico di questa macchina automatica http://www.frc.ri.cmu.edu/projects/lri/scarab/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.