L-102: Se il motore della Soyuz perde elio… non è un buon segno

Samantha Cristoforetti e l'equipaggio della Soyuz TMA-15M nel simulatore. Credit: Samantha Cristoforetti
Samantha Cristoforetti e l'equipaggio della Soyuz TMA-15M nel simulatore. Credit: Samantha Cristoforetti

Dal Diario di bordo di Samantha Cristoforetti:

Star City (Mosca, Russia), 14 agosto 2014—Oggi di nuovo nel simulatore Soyuz con Terry e Anton, questa volta indossando la Sokol per provare una discesa d’emergenza dopo lo sgancio dal boccaporto.

Questi scenari sono sempre molto intensi ma, d’altra parte, un po’ più brevi di una normale discesa, perché ci affrettiamo a cogliere una prima opportunità di attivare il motore per un’accensione di frenata, circa 40 minuti dopo avere aperto i ganci per separarci dalla ISS.

Oggi abbiamo cominciato con una perdita nella Soyuz, a cui abbiamo aggiunto un secondo guasto che, di per sé, avrebbe portato a una discesa d’emergenza: una depressurizzazione delle condutture dell’elio ad alta pressione. Non ci sono pompe nel sistema di propulsione della Soyuz: è un progetto semplice e robusto che utilizza elio ad alta pressione per pressurizzare i serbatoi del propellente. Se l’elio inizia a sfuggire, dobbiamo attivare il motore prima che la pressione diventi troppo bassa per l’accensione di deorbitazione.

Così, con un modulo di discesa che perdeva e una fuga dai serbatoi di elio, eravamo pronti a un rientro balistico utilizzando il Programma 5, che ho spiegato in questa nota precedente del diario.

Eccetto che Dima, il nostro diabolico istruttore, ci ha anche gettato addosso un guasto al computer principale, così abbiamo dovuto tornare a pilotare il nostro rientro balistico con il cosiddetto “circuito analogico”—è il vecchio computer delle serie precedenti della Soyuz, che lascia molto lavoro all’equipaggio e ha meno controlli automatici preimpostati. La cosa principale: avete bisogno di costruire l’assetto e accendere il motore manualmente e, se il motore si guasta, dovete spegnerlo manualmente e attivare i thruster [razzi di manovra—N.d.T.] di backup.

Oggi ci è capitato un guasto al motore così presto nel corso dell’accensione, che abbiamo tenuto accessi i thruster per oltre mezz’ora (invece dei 3 minuti e 41 secondi nominali) e siamo finiti a separarci dal modulo di servizio per mezzo dei sensori termici, invece che da comando… come tutto questo funziona, è una storia per un’altra nota del diario!

Nota originale in inglese, traduzione italiana a cura di Paolo Amoroso—AstronautiNEWS. Leggi il Diario di bordo di Samantha Cristoforetti e l’introduzione.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=21899.0

Samantha Cristoforetti

Dal 2009 è un’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Il lancio della sua prima missione, in cui trascorrerà circa sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale, è previsto per il 24 novembre 2014. È inoltre un ufficiale pilota dell’Aeronautica Militare Italiana con il grado di Capitano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.