L-118: La prima cosa che cercherò arrivando sulla ISS

La toilette nel Nodo 3 della ISS. Credit: NASA/Expedition 31
La toilette nel Nodo 3 della ISS. Credit: NASA/Expedition 31

Dal Diario di bordo di Samantha Cristoforetti:

Star City (Mosca, Russia), 29 luglio 2014—Di nuovo a Star City, dopo essere tornata in Europa da Houston a aver fatto una breve tappa a casa nel weekend.

È ora di immergersi di nuovo nel mondo Soyuz, almeno per le prossime tre settimane! Ma prima, vorrei parlarvi di un ultimo corso che ho avuto la settimana scorsa al Johnson Space Center, prima di lasciare Houston.

È un corso non obbligatorio che i membri dell’equipaggio possono richiedere se sentono la necessità di ripassare uno degli equipaggiamenti più importanti a bordo, e probabilmente il primo che vorrò usare dopo il mio arrivo. È il Waste and Hygiene Compartment (WHC) [compartimento dei rifiuti e dell’igiene—N.d.T.]: per gli amici, la toilette spaziale.

Il WHC è contenuto in un rack standard, uno degli elementi inclinabili installati uno accanto all’altro lungo le quattro pareti di ogni modulo USOS. Tutti i componenti—la pompa, la ventola, le tubazioni, i serbatoi, i filtri, ecc.— sono nascosti dietro i pannelli. Davanti ai pannelli, ma ancora contenute nel volume del rack standard, ci sono le interfacce utente: un imbuto giallo con un tubo flessibile per l’urina e un serbatoio per i rifiuti solidi con un foro nella parte superiore, su cui è montato un “sedile”

Davanti al rack, spuntando fuori nel volume libero del Nodo 3, c’è la cabina del WHC, che offre un po’ di privacy.

La toilette nel Nodo  3 della ISS. Credit: NASA/Expedition 31

La toilette nel Nodo 3 della ISS. Credit: NASA/Expedition 31

Il WHC ha un pannello di controllo con abbastanza interruttori, bottoni e LED da farvi pensare che le toilette giapponesi siano noiose (non lo sono). In effetti come utente, quando entrate, volete dare un’occhiata al pannello principale per assicurarvi che le spie rispecchino una delle configurazioni attese. Sono tre o quattro LED verdi, a seconda di dove va l’urina. Per la maggior parte del tempo l’urina fluisce direttamente verso l’Urine Processing Assembly [impianto per il trattamento dell’urina—N.d.T.] per essere trattata, e quindi viene mandata al Water Processing Assembly [impianto per il trattamento dell’acqua—N.d.T.] per essere trasformata in acqua potabile. Tuttavia a volte, per esempio se l’UPA è in corso di manutenzione, l’urina può invece essere inviata verso un serbatoio rimuovibile.

Come potete immaginare, il pannello ha anche un certo numero di spie rosse che possono accendersi per indicare un malfunzionamento o semplicemente la necessità di qualche azione: sostituire un serbatoio di urina pieno, per esempio; o rabboccare il serbatoio dell’acqua di scarico.

L’intero sistema è basato sul flusso d’aria che porta i rifiuti liquidi e solidi lontano dal corpo e nei rispettivi serbatoi di raccolta. Quindi, la prima cosa che facciamo per usare la toilette è accendere la ventola che crea il flusso d’aria direzionale. L’urina viene raccolta attraverso un imbuto ed è miscelata con l’acqua di scarico e un agente chimico prima di essere inviata all’UPA o al serbatoio. I rifiuti solidi sono raccolti in sacchetti monouso installati nel ricettacolo per i rifiuti solidi—dopo ogni utilizzo, viene preparato un nuovo sacchetto pulito per il prossimo utente, mentre quello consumato deve essere messo nel serbatoio proprio sotto il “sedile”. Sulla Terra, cadrebbe semplicemente giù. Nello spazio, richiede un po’ di instradamento: certo, come sento dire, non è la parte più glamour del vivere nello spazio.

Avete probabilmente intuito che il malfunzionamento che potenzialmente creerebbe un vero pasticcio è una perdita di alimentazione elettrica durante l’uso, visto che il flusso d’aria si interromperebbe e non ci sarebbe nulla per portare i rifiuti nella giusta direzione. L’azione immediata: chiudere il coperchio del “sedile” e mettere il tappo al ricettacolo dei rifiuti liquidi! Poi potete preoccuparvi del resto della soluzione del problema.

Foto: NASA/Expedition 31

Nota originale in inglese, traduzione italiana a cura di Paolo Amoroso—AstronautiNEWS. Leggi il Diario di bordo di Samantha Cristoforetti e l’introduzione.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=21791.0

Samantha Cristoforetti

Dal 2009 è un’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Il lancio della sua prima missione, in cui trascorrerà circa sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale, è previsto per il 24 novembre 2014. È inoltre un ufficiale pilota dell’Aeronautica Militare Italiana con il grado di Capitano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.