Vicino al completamento l’assemblaggio di Orion per EFT-1

Il mockup del modulo di servizio per la missione EFT-1

Il mockup del modulo di servizio per la missione EFT-1

E’ ormai nelle fasi finali l’assemblaggio della capsula Orion in vista del battesimo del volo spaziale previsto a fine anno.
I tecnici Lockheed Martin al KSC hanno completato nelle scorse settimane l’assemblaggio dei sistemi della capsula e dopo aver provveduto al fissaggio dell’enorme scudo termico alla struttura si è completata l’unione della capsula con il mockup del modulo di servizio già pronto da tempo.
Sono già stati superati i test di vibrazione e quelli funzionali di elettronica e software. Lo scudo termico da 5m di diametro era stato fissato utilizzando centinaia di bulloni e rivetti alla struttura della capsula.
L’ultimo traguardo raggiunto è stato, come detto, l’unione della capsula con il “finto” modulo di servizio, realizzato al KSC e necessario per simulare la massa e gli ingombri che avrà quello operativo costruito da ESA a partire dai voli successivi.
La capsula montata sul mockup del modulo di servizio

La capsula montata sul mockup del modulo di servizio


Prossimamente è prevista l’installazione dei pannelli dello scudo termico della parte superiore della capsula e delle coperture dei paracadute e infine, questa estate, verrà montata anche la torre di fuga LAS.
Il volo è pianificato per Dicembre e porterà la capsula fino a 6600km circa d’altezza, 15 volte oltre l’orbita della ISS, per far rientrare la capsula in atmosfera alla massima velocità di progetto.

Lo scudo termico, componente fondamentale della capsula Orion, è realizzato con un’innovativa tecnologia che combina materiali compositi e metalli.
Lo scheletro è realizzato in titanio e fibra di carbonio, ricoperto da una struttura a nido d’ape in fibra di vetro, rinforzata con resine fenoliche e Avcoat, il materiale ablativo.

Completate le connessioni elettriche e dei condotti dei fluidi, fra modulo di servizio e capsula, si procederà nel dettaglio:

L'upper stage del Delta IV Heavy

L’upper stage del Delta IV Heavy

– Effettuazione dei test di compatibilità elettromagnetica
– Installazione delle protezioni termiche della parte superiore della capsula e della copertura della “forward bay”
– Montaggio del complesso service module più capsula sull’adattatore per l’upper stage del Delta IV Heavy
– Rifornimento della capsula con propellente e gli altri fluidi alla Kennedy Space Center Payload Hazardous Servicing Facility.
– Montaggio della torre del LAS (launch abort system).
– Trasporto del complesso al Launch Pad 37 dove Lockheed Martin e ULA completeranno il montaggio sul vettore.

Un'immagine artistica dell'EFT-1

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=21626.0

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.