L-257: Test di equilibrio, volo con il jetpack e controllo del battito cardiaco

Una schermata di una sessione di addestramento SAFER al JSC. Fonte: NASA
Una schermata di una sessione di addestramento SAFER al JSC. Fonte: NASA

Dal Diario di bordo di Samantha Cristoforetti:

Johnson Space Center (Houston, USA), 12 marzo 2014—Oggi un’altra giornata molto varia, divisa fra l’addestramento e gli esami medici.

Per prima cosa al mattino una breve lezione introduttiva sull’esecuzione dell’esperimento Cardio Ox, uno studio degli effetti cardiovascolari del volo spaziale di lunga durata e della correlazione fra i cambiamenti nel cuore e nelle arterie e gli stress ossidativi e infiammatori. Mentre questi ultimi sono misurati attraverso dei biomarcatori nel sangue e nell’orina, il cuore e le arterie vengono osservati con l’ecografia. Naturalmente non ci sia aspetta che diventiamo esperti nell’eseguire ecografie: saremo guidati remotamente da terra mentre esaminiamo le nostre arterie brachiali e carotidee e il nostro cuore.

In un altro corso ho avuto modo di lavorare con delle attrezzature per EVA ad alta fedeltà e alcune delle unità che potrebbero essere potenzialmente sostituite durante una passeggiata spaziale, se si guastassero. Dalle grandi “scatole” delle batterie che immagazzinano l’energia elettrica dai pannelli solari durante l’insolazione, ai grandi serbatoi che contengono l’ammoniaca per i circuiti esterni di raffreddamento, ai serbatoi dell’azoto per pressurizzare quegli stessi circuiti di raffreddamento, alle unità che forniscono la capacità di liberare quell’ammoniaca nello spazio dalle tubazioni dei radiatori nel caso di un malfunzionamento… e questa è solo una minuscola selezione delle decine di unità là fuori che possono essere sostituite in una EVA.

Mi sono sottoposta anche a un test molto sofisticato del mio sistema vestibolare—sostanzialmente un test di equilibrio, ma uno in cui gli stimoli visivi e percettivi sono attentamente controllati per isolare il più possibile solo gli effetti del sistema vestibolare sull’equilibrio. Ripeterò il test un’altra volta prima del volo e ancora dopo essere ritornata sulla Terra: il sistema vestibolare di tutti è in una forma piuttosto cattiva dopo un volo spaziale di lunga durata.

Per finire, ho avuto un corso pratico sul SAFER, l’unità jetpack (unità di propulsione a razzo) attaccata al retro della tuta EMU che serve a fornire capacità di autosoccorso a un membro dell’equipaggio che dovesse rimanere separato dalla Stazione. Giusto per essere chiari—non è mai stato usato nella realtà (tranne che per scopi di test). A parte il jetpack di George Clooney in Gravity, il SAFER ha molto poco gas. Ecco perché ci addestriamo in un ambiente a realtà virtuale che replica la ISS a volare indietro verso la struttura nel modo più efficiente possibile dal punto di vista del propellente. Nella schermata potete vedere un’immagine di una sessione di realtà virtuale: la riga gialla è la traiettoria di allontanamento dalla Stazione e poi, con l’aiuto di SAFER, di ritorno.

Nota originale in inglese, traduzione italiana a cura di Paolo Amoroso—AstronautiNEWS. Leggi il Diario di bordo di Samantha Cristoforetti e l’introduzione.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=21131.0

Samantha Cristoforetti

Dal 2009 è un’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Il lancio della sua prima missione, in cui trascorrerà circa sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale, è previsto per il 24 novembre 2014. È inoltre un ufficiale pilota dell’Aeronautica Militare Italiana con il grado di Capitano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.