L-293: Bentornato nel simulatore Soyuz, Terry!

Samantha Cristoforetti e Terry Virts in tuta Sokol davanti al simulatore Soyuz a Star City. Fonte: Gagarin Cosmonaut Training Center
Samantha Cristoforetti e Terry Virts in tuta Sokol davanti al simulatore Soyuz a Star City. Fonte: Gagarin Cosmonaut Training Center

Dal Diario di bordo di Samantha Cristoforetti:

Star City (Mosca, Russia), 4 febbraio 2014—Terry è di nuovo a Star City e si unirà ad Anton e me per una lunga simulazione Soyuz in tuta Sokol domani. Nella foto potete vedere Terry e me prima di una simulazione simile lo scorso dicembre.

Oggi abbiamo avuto un’introduzione di due ore con il nostro istruttore Dima. Il piano per domani è di avere una simulazione più lunga del solito (cinque ore invece di quattro) e seguire l’intera sequenza di eventi, dal momento in cui entriamo nel modulo di discesa sulla rampa di lancio al docking con la Stazione Spaziale Internazionale.

Certo, nella vita reale ci vorrebbe comunque un po’ di più, ma nel simulatore possiamo tagliare il tempo in cui non starebbe accadendo molto, visto che aspettare non ha molto valore di addestramento.

Dopo l’ascesa e la separazione dal razzo, le cose accadono piuttosto rapidamente con il nuovo profilo di rendezvous in sei ore. Mentre eseguo i test di tenuta stagna e verifico che tutti i sistemi siano nominali (nel simulatore non lo sono mai!), Anton passa subito a monitorare la modalità dinamica: infatti il ciclo automatico inizia un paio di minuti dopo l’inserimento in orbita, non c’è tempo da perdere.

Se tutto va bene, il computer di bordo fa assumere alla capsula il suo orientamento LVLH di base (pancia verso la Terra e “naso” nella direzione di volo), controlla il sistema Kurs ed esegue due accensioni iniziali che alzano e correggono l’orbita. Dopo abbiamo un po’ di tempo per controllare i comandi manuali, prima di proseguire con la seconda sequenza di due accensioni di correzione orbitale.

Quindi passiamo immediatamente alla modalità di rendezvous e via fino al docking.

Questa mattina Anton e io abbiamo già eseguito una simulazione simile di quattro ore, tranne che abbiamo avuto un guasto al motore durante la seconda accensione. Se questo accade, il ciclo automatico si ferma e il profilo veloce di 6 ore dal lancio al rendezvous non è più possibile. È tempo di prendersela comoda e prepararsi a passare due giorni nella piccola Soyuz, come ai vecchi tempi!

Foto credit: GCTC

Nota originale in inglese, traduzione italiana a cura di Paolo Amoroso—AstronautiNEWS. Leggi il Diario di bordo di Samantha Cristoforetti e l’introduzione.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=20924.0

Samantha Cristoforetti

Dal 2009 è un’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Il lancio della sua prima missione, in cui trascorrerà circa sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale, è previsto per il 24 novembre 2014. È inoltre un ufficiale pilota dell’Aeronautica Militare Italiana con il grado di Capitano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.