Opportunity celebra dieci anni di missione con nuove importanti scoperte

Nuovi risultati da campioni di roccia prelevati ed esaminati dal Mars Exploration Rover Opportunity della NASA hanno confermato l´esistenza, nel passato più remoto di Marte, di un ambiente umido più mite e più antico delle condizioni acide e ossidanti raccontate dalle rocce che il longevo rover aveva esaminato in precedenza.

Nell’edizione di questa settimana della rivista Science, il vice Principal Investigator del rover costruto dal JPL, Ray Arvidson, professore alla Washington University di St. Louis, descrive nel dettaglio le scoperte fatte dall’esploratore robotico e di come queste abbiano contribuito a rivoluzionare la nostra conoscenza del Pianeta Rosso. In questo senso secondo Arvidson ed i membri del suo team le ultime osservazioni compiute da Opportunity rappresentano una vera pietra miliare.

“Queste rocce sono più antiche di tutte quelle esaminate in precedenza nel corso della missione, e ci raccontano dell’esistenza di condizioni più favorevoli per la vita microbica di ogni altro ambiente mai visitato prima da Opportunity”, ha dichiarato Arvidson .

La strada percorsa da Opportunity nei suoi 10 anni di missione - NASA/JPL-Caltech/MSSS/NMMNHS

La strada percorsa da Opportunity nei suoi 10 anni di missione – NASA/JPL-Caltech/MSSS/NMMNHS

Mentre la squadra di Opportunity celebra il decimo anniversario del rover su Marte la missione guarda con ottimismo al futuro: sono attese ulteriori scoperte che porteranno ad una ancor migliore conoscenza di Marte, ed aiuteranno la pianificazione delle missioni umane sul pianeta previste per gli anni attorno al 2030 .

La missione originaria di Opportunity doveva durare solo tre mesi . Nel giorno del suo “compleanno”, Opportunity sta esaminando il bordo del cratere Endeavour . Ha percorso in totale  38,7 km dal punto di atterraggio nel quale è atterrato il 24 gennaio 2004, protetto da un grosso “bozzolo” di airbag . Il sito attualmente in esplorazione si trova in un punto quasi diametralmente opposto a quello dove sta operando il più recente ed innovativo rover della NASA: Curiosity/MSL.

Per trovare rocce adatte alle osservazioni, il team di Opportunity presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA (JPL) di Pasadena , in California, ha guidato Opportunity lungo un percorso circolare, scrutando il terreno alla ricerca di rocce promettenti in un’area del bordo del cratere Endeavour chiamata “Matijevic Hill” . A fiutare il punto giusto sono stati gli strumenti a bordo dell’orbiter della NASA Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) , giunto su Marte solo nel 2006 , molto tempo dopo il momento in cui si pensava che la missione di Opportunity potesse concludersi.

A partire dal 2010 lo strumento di mappatura chiamato CRISM (Compact Reconnaissance Imaging Spectrometer for Mars) ha rilevato tracce interessanti a Matijevic Hill, in particolare quelle di un minerale argilloso noto come smectite, ricco di ferro. La squadra di Opportunity ha quindi fatto di questa zona il suo obiettivo, decidendo di studiarlo dirigendosi proprio nel punto in cui era stato rilevato, valutandone il posizionamento rispetto ad altri minerali e ai vari strati geologici. Questa strategia è stata ritenuta la migliore per la raccolta di ulteriori informazioni su questo ambiente antico. I ricercatori ritengono che le condizioni di umidità che hanno prodotto la smectite, ricca di ferro, abbiano preceduto la formazione del cratere Endeavour circa 4 miliardi di anni fa.

“Più si esplora Marte, il più interessante diventa . Questi ultimi risultati rappresentano un vero e proprio dono, che coincide con il decimo anniversario dell’arrivo su Marte di Opportunity”, ha detto Michael Meyer , scienziato di punta del Mars Exploration Program della NASA . “Stiamo trovando più punti che ci confermano come Marte, ad un certo momento della sua storia, sia  stato un pianeta caldo e umido. Questo ci dà ancora più stimoli per continuare a cercare prove di vita passata su Marte  ”

Opportunity non ha subito molti cambiamenti nel suo stato di salute nell’ultimo anno, e il veicolo rimane un valido strumento di ricerca per tutti gli scienziati impegnati con lo studio di Marte .

“Questa settimana apprezziamo l’eredità del primo decennio di Opportunity, ma sappiamo che il futuro ci riserverà ancora altre scoperte. “, ha detto Steve Squyres della Cornell University , Ithaca , NY , Principal Investigator della missione . ” Stiamo esaminando una roccia proprio di fronte al rover che è diversa da qualsiasi cosa abbiamo visto prima . Marte continua a sorprenderci , proprio come nella prima settimana della missione . “

JPL gestisce il progetto Mars Exploration Rover per il Science Mission Directorate della NASA a Washington . Opportunity e il suo gemello, Spirit, che ha lavorato per sei anni, insieme al loro successore Curiosity, hanno contribuito preziose informazioni sui diversi ambienti acquosi dell’antico Marte; dalle sorgenti di acqua calda a resti di veri e propri di corsi d’acqua.

” Negli ultimi dieci anni , i  rover al lavoro su Marte hanno fatto del Pianeta Rosso il nostro posto di lavoro , il nostro quartiere residenziale “, ha dichiarato John Callas , responsabile del progetto Mars Exploration Rover della NASA  che ha costruito e gestisce Opportunity . ” La longevità e le distanze raggiunte sono notevoli . Ma ancora più importanti sono le scoperte che vengono fatte e la quantità di persone ispirate. ”

Le pagine Web appositamente create per celebrare il decimo anniversario dell’arrivo dei rover, inclusa una spettacolare galleria fotografica, sono disponibili su http://mars.nasa.gov/mer10/

Il progetto ha anche un account Twitter http://twitter.com/MarsRovers e Facebook http://www.facebook.com/mars.rovers

Fonte: NASA/JPL
Immagine di copertina: (C) NASA/JPL-Caltech/Cornell Univ./Arizona State Univ.

Marco Zambianchi

Miission Analyst presso ESA/ESOC per la missione GAIA Fondatore di ForumAstronautico.it, e co-fondatore di AstronautiCAST, Presidente Associazione ISAA