L-348: Addestramento antincendio con fumo e maschere antigas

Simulazione di incendio nel modulo Zvezda con Samantha Cristoforetti e l'equipaggio della Soyuz TMA-15M a Star City. Fonte: Gagarin Cosmonaut Training Center
Simulazione di incendio nel modulo Zvezda con Samantha Cristoforetti e l'equipaggio della Soyuz TMA-15M a Star City. Fonte: Gagarin Cosmonaut Training Center

Dal Diario di bordo di Samantha Cristoforetti:

Star City (Mosca, Russia), 12 dicembre 2013—Un Modulo di Servizio pieno di fumo così fitto che potevamo a stento vederci l’uno con l’altro e un incendio nascosto dietro un pannello da trovare e neutralizzare. Tutto questo indossando maschere antigas che possono diventare molto calde.

Questo è stato l’inizio della giornata per me e i miei compagni di equipaggio Anton e Terry. Appena il Modulo di Servizio si è riempito di fumo simulato, abbiamo afferrato le nostre maschere antigas. Dopo aver fatto un respiro profondo, le abbiamo indossate e quindi espirato nella cartuccia chimica per iniziare la reazione che ci avrebbe dato ossigeno da respirare per l’ora successiva o giù di lì. È un sistema isolato: per generare ossigeno la reazione usa la CO2 e il vapore acqueo che espiriamo. È anche una reazione esotermica, il che significa che genera calore: ci vuole un po’ per abituarsi a respirare la riserva di gas caldo e secco dalla cartuccia e abbiamo avuto tutti la nostra dose di tosse, ma certamente meglio che essere esposti ai fumi della combustione in un giorno reale in orbita!

Abbiamo effettivamente localizzato e neutralizzato l’incendio nel nostro primo scenario e anche seguito le procedure per iniziare il processo di purificazione dell’atmosfera.

Nel nostro secondo scenario abbiamo simulato di non poter spegnere l’incendio. Visto che la nostra Soyuz era attraccata al modulo che “bruciava”, abbiamo dovuto evacuare. L’idea era di farci fare pratica nell’entrare nelle nostre tute Sokol con le maschere indossate e seguire delle procedure rapide di undocking per un orientamento arbitrario della Stazione. Una storia per un altro giorno!

Nota originale in inglese, traduzione italiana a cura di Paolo Amoroso—AstronautiNEWS. Leggi il Diario di bordo di Samantha Cristoforetti e l’introduzione.

Samantha Cristoforetti

Dal 2009 è un’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Il lancio della sua prima missione, in cui trascorrerà circa sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale, è previsto per il 24 novembre 2014. È inoltre un ufficiale pilota dell’Aeronautica Militare Italiana con il grado di Capitano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.