L-390: Il protocollo di prebreathing

Samantha Cristoforetti e Terry Virts nel mockup dell'airlock per una simulazione di procedure pre & post EVA. Fonte: Samantha Cristoforetti
Samantha Cristoforetti e Terry Virts nel mockup dell'airlock per una simulazione di procedure pre & post EVA. Fonte: Samantha Cristoforetti

Dal Diario di bordo di Samantha Cristoforetti:

Johnson Space Center (Houston, USA), 6 novembre 2013—Come ho detto nella mia nota di ieri, Terry e io abbiamo passato la giornata nel mockup dell’airlock per provare le procedure di pre- e post-EVA.

L’argomento più importante della giornata è stato il protocollo di prebreathing. Prima di depressurizzare l’airlock al vuoto e aprire il portello per uscire a compiere una passeggiata spaziale, abbiamo bisogno di fare il prebreathing dell’ossigeno puro per purificare l’azoto dal nostro flusso sanguigno e prevenire i sintomi della malattia da decompressione quando si è all’esterno per una EVA. Sì, è lo stesso problema che i sommozzatori potrebbero avere quando riemergono: passare da una pressione più alta a una più bassa. La tuta, infatti, è pressurizzata solo a circa un terzo della pressione atmosferica: altrimenti risulterebbe troppo rigida e sarebbe impossibile compiere lavori complessi standoci dentro.

Attrezzature mediche per il controllo di una simulazione di pre & post EVA di Samantha Cristoforetti e Terry Virts. Fonte: Samantha Cristoforetti

Attrezzature mediche per il controllo della simulazione di pre & post EVA. Fonte: Samantha Cristoforetti

Ci sono diversi protocolli di prebreathing. Quello più comunemente usato ora è l’In-Suit Light Exercise (esercizio leggero nella tuta). Dopo aver respirato ossigeno puro attraverso una maschera per circa un’ora mentre si esegue il lavoro preparatorio iniziale, i membri dell’equipaggio assegnati alla EVA indossano la tuta, la purificano per alcuni minuti per ottenere un’atmosfera di ossigeno puro all’interno, e dopo fanno piccoli movimenti con le braccia e le gambe per circa 50 minuti. Questo aumenta leggermente il ritmo metabolico e velocizza la purificazione dell’azoto.

Il personale medico segue una simulazione di pre & post EVA di Samantha cristoforetti e Terry Virts. Fonte: Samantha Cristoforetti

Il personale segue la simulazione di pre & post EVA. Fonte: Samantha Cristoforetti

Uno degli obiettivi del corso di Pre & Post di ieri è stato per Terry e me capire quanto intenso (o in realtà poco intenso) quell’esercizio nella tuta debba essere per raggiungere il ritmo metabolico stabilito. Il personale medico ci ha dato feedback in tempo reale basato sulla nostra produzione di CO2 in modo che potessimo regolare l’intensità del lavoro e, auspicabilmente, sviluppare una certa memoria del livello ideale di sforzo che è richiesto.

Nota originale in inglese, traduzione italiana a cura di Paolo Amoroso—AstronautiNEWS. Leggi il Diario di bordo di Samantha Cristoforetti e l’introduzione.

Samantha Cristoforetti

Dal 2009 è un’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Il lancio della sua prima missione, in cui trascorrerà circa sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale, è previsto per il 24 novembre 2014. È inoltre un ufficiale pilota dell’Aeronautica Militare Italiana con il grado di Capitano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.