L-363: Gestire i malfunzionamenti del sistema di docking dell’ATV

Un cargo ATV in avvicinamento alla ISS. Fonte: NASA
Un cargo ATV in avvicinamento alla ISS. Fonte: NASA

Dal Diario di bordo di Samantha Cristoforetti:

European Astronaut Centre (Colonia, Germania), 26 novembre 2013—Oggi Sasha e io abbiamo avuto una giornata piena per l’addestramento sull’ATV, iniziando con una lezione sui malfunzionamenti del sistema di docking (attracco).

L’ATV usa una versione leggermente modificata del sistema di docking russo, quello della Soyuz e della Progress. È un sistema molto robusto che ha dimostrato più volte il suo valore. Tuttavia, abbiamo dei piani d’emergenza nel caso qualcosa vada storto.

La cosa principale che deve funzionare è la retrazione della sonda di docking. Come potete vedere nella foto, una volta che l’ATV è in orbita la sonda di docking viene estesa. È la testa della sonda di docking che stabilisce la prima connessione meccanica con la Stazione. Dopodiché la sonda viene lentamente ritirata, tirando l’ATV fino a quando le intere interfacce di docking possono essere accoppiate e i ganci chiusi.

Se non si riesce a ritirare la sonda per qualche ragione, abbiamo un problema. La testa della sonda viene catturata, ma non abbiamo una connessione meccanica rigida fra l’ATV e la Stazione. Con l’ATV attaccato solo tramite la sonda, non possiamo applicare le coppie di controllo alla Stazione per mantenerla in un assetto desiderato. Fino a quando non risolviamo il problema, dobbiamo rimanere in deriva libera.

Ecco perché, se non potessimo realmente ritirare la sonda, né automaticamente né con i comandi manuali, dovremmo ben presto mandare via l’ATV. Per una giornata veramente storta, abbiamo perfino l’opzione di separare pirotecnicamente il meccanismo di docking. Quella sarebbe veramente l’opzione da ultima spiaggia, comunque, perché terminerebbe definitivamente la missione dell’ATV e renderebbe il boccaporto di attracco inutilizzabile.

Foto credit: NASA

Nota originale in inglese, traduzione italiana a cura di Paolo Amoroso—AstronautiNEWS. Leggi il Diario di bordo di Samantha Cristoforetti e l’introduzione.

Samantha Cristoforetti

Dal 2009 è un’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Il lancio della sua prima missione, in cui trascorrerà circa sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale, è previsto per il 24 novembre 2014. È inoltre un ufficiale pilota dell’Aeronautica Militare Italiana con il grado di Capitano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.