L-425: Esaminare l’equipaggiamento d’emergenza

Simulazione di incendio nel modulo Zarya FGB della ISS. Fonte: Samantha Cristoforetti
Simulazione di incendio nel modulo Zarja FGB della ISS. Fonte: Samantha Cristoforetti

Dal Diario di bordo di Samantha Cristoforetti:

Star City (Mosca, Russia), 2 ottobre 2013—Oggi ho passato un paio d’ore nel simulatore Sojuz facendo pratica di rendezvous e docking manuale. È sempre bello sedersi ai comandi della Sojuz e certamente molto utile per rinfrescare un po’ le mie competenze.

Nel pomeriggio ho avuto una lunga e dettagliata panoramica su tutti gli equipaggiamenti del segmento russo che potrebbero essere usati in caso di emergenza: maschere antigas ed estintori, naturalmente, ma anche interruttori di alimentazione che potreste voler spegnere, valvole che potreste voler azionare, portelli che potreste voler chiudere—e ci sono diversi tipi di portelli nel segmento russo.

In realtà, sembra che l’equipaggio sulla ISS abbia in programma di fare una revisione simile domani: come base per il mio corso di oggi abbiamo usato un Radiogramma (un messaggio operativo russo all’equipaggio) con la data di domani!

Abbiamo anche esaminato un paio di scenari per ripassare la conoscenza delle procedure. Come potete vedere nella foto, a un certo punto abbiamo avuto un incendio nel modulo FGB.

Nota originale in inglese, traduzione italiana a cura di Paolo Amoroso—AstronautiNEWS. Leggi il Diario di bordo di Samantha Cristoforetti e l’introduzione.

  © 2006-2020 Associazione ISAA - Alcuni diritti sono riservati.

Samantha Cristoforetti

Ingegnere ed ex ufficiale dell'Aeronautica Militare, dal 2009 è un’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Ha volato nello spazio per 199 giorni, dal 23 novembre 2014 all'11 giugno 2015 per la missione Futura, svoltasi a cavallo tra Expedition 42 ed Expedition 43.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.