L-428: Altre riflessioni sull’addestramento Orlan

Samantha Cristoforetti entra nella tuta Orlan per una sessione all'Hydrolab di Star City. Fonte: Samantha Cristoforetti
Samantha Cristoforetti entra nella tuta Orlan per una sessione all'Hydrolab di Star City. Fonte: Samantha Cristoforetti

Dal Diario di bordo di Samantha Cristoforetti:

Star City (Mosca, Russia), 29 settembre 2013—Vorrei condividere qualche altra riflessione sull’addestramento Orlan.

Mi è stato chiesto se la Orlan è molto diversa dalla tuta EMU della NASA. Direi di sì. Per dirne una è molto veloce da indossare: come potete vedere nella foto, in pratica salite nella tuta, chiudete la “porta” dietro di voi e siete pronti a presurizzarla ed entrare in acqua.

L’altra grande differenza è che viene pressurizzata a una pressione più elevata, circa 1,5 volte più alta. Questo vi dà un margine maggiore nel caso di una perdita, ma riduce anche un po’ la manualità ed è necessaria una maggiore energia per lavorare in una tuta più rigida.

Come in molte altre cose, è un equilibro fra esigenze diverse!

Nota originale in inglese, traduzione italiana a cura di Paolo Amoroso—AstronautiNEWS. Leggi il Diario di bordo di Samantha Cristoforetti e l’introduzione.

Samantha Cristoforetti

Dal 2009 è un’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Il lancio della sua prima missione, in cui trascorrerà circa sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale, è previsto per il 24 novembre 2014. È inoltre un ufficiale pilota dell’Aeronautica Militare Italiana con il grado di Capitano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.