L-481: Volare intorno alla ISS… più o meno

Samantha Cristoforetti e Alexander Gerst nella piscina del NBL. Fonte: Samantha Cristoforetti
Samantha Cristoforetti e Alexander Gerst nella piscina del NBL. Fonte: Samantha Cristoforetti

Dal Diario di bordo di Samantha Cristoforetti:

Johnson Space Center (Houston, USA), 7 agosto 2013—Oggi volerò intorno alla ISS!

Non proprio, ma mi immergerò nel Neutral Buoyancy Laboratory (NBL, laboratorio di galleggiamento neutro) con il mio istruttore di EVA, Faruq, per preparare la sessione di venerdì in tuta pressurizzata. E visto che abbiamo una replica a grandezza reale della ISS sotto l’acqua (eccetto il segmento russo), si ha veramente la sensazione di volare intorno alla Stazione!

Samantha Cristoforetti nuota nel NBL intorno alla replica della ISS. Fonte: Samantha Cristoforetti

Nel NBL con la replica della ISS. Fonte: Samantha Cristoforetti

Quando il programma di addestramento lo consente, immergersi è un ottimo modo di prepararsi per una sessione in tuta. Possiamo farci un’idea dei percorsi di traslazione, gli ostacoli lungo la via, l’instradamento dei cavi di sicurezza. E possiamo controllare le stazioni di lavoro e capirne la relativa geometria. Che posizione del corpo è migliore? Come posso assicurarmi? Dove dovrei attaccare la mia borsa degli attrezzi o depositare temporaneamente un componente di ricambio mentre rimuoviamo quello guasto?

Come potete vedere nelle foto, in qualche modo incontrate perfino un compagno di equipaggio in tuta o due mentre vi immergete nella piscina! Riconoscete il mio compagno Shenanigan Alex in questa “vecchia” foto?

Nota originale in inglese, traduzione italiana a cura di Paolo Amoroso—AstronautiNEWS. Leggi il Diario di bordo di Samantha Cristoforetti e l’introduzione.

  © 2006-2021 Associazione ISAA - Alcuni diritti sono riservati.

Commenti

Commenta e approfondisci su ForumAstronautico.it

Samantha Cristoforetti

Ingegnere ed ex ufficiale dell'Aeronautica Militare, dal 2009 è un’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Ha volato nello spazio per 199 giorni, dal 23 novembre 2014 all'11 giugno 2015 per la missione Futura, svoltasi a cavallo tra Expedition 42 ed Expedition 43.