L-476: Manutenzione delle tute spaziali

Chris Cassidy esamina le tute EMU che ha usato insieme con Luca Parmitano sulla ISS. Fonte: NASA
Chris Cassidy esamina le tute EMU che ha usato insieme con Luca Parmitano sulla ISS. Fonte: NASA

Dal Diario di bordo di Samantha Cristoforetti:

Johnson Space Center (Houston, USA), 12 agosto 2013—Sto iniziando la settimana con un lungo corso sulle operazioni di manutenzione della EMU.

La EMU (Extravehicular Mobility Unit, unità di mobilità extraveicolare) è la tuta pressurizzata americana per le passeggiate spaziali. È come una piccola astronave che indossate e che vi tiene in vita per 7-8 ore nel vuoto.

La tuta ha serbatoi di ossigeno che vi erogano ossigeno da respirare e mantengono la pressione interna a circa 4,3 psi (pounds per square inch, libbre per pollice quadrato; 4,3 psi = 29,6 kPa = 0,29 atmosfere). Inoltre vi mantiene freschi grazie a un sublimatore che smaltisce il calore in eccesso. E naturalmente consente le comunicazioni radio e fornisce protezione dagli impatti di micrometeoriti e dalle radiazioni.

Ci sono operazioni periodiche di manutenzione che vengono eseguite in orbita e nel corso di oggi inizieremo a impararle. A volte potrebbe esserci la necessità di individuare un malfunzionamento. È stato questo il caso nelle settimane recenti dopo il problema di perdita d’acqua nella tuta di Luca Parmitano il mese scorso. Nella foto potete vedere Chris Cassidy impegnato in parte di questo lavoro diagnostico!

Nota originale in inglese, traduzione italiana a cura di Paolo Amoroso—AstronautiNEWS. Leggi il Diario di bordo di Samantha Cristoforetti e l’introduzione.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=19900

Samantha Cristoforetti

Dal 2009 è un’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Il lancio della sua prima missione, in cui trascorrerà circa sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale, è previsto per il 24 novembre 2014. È inoltre un ufficiale pilota dell’Aeronautica Militare Italiana con il grado di Capitano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.