Passeggiata spaziale per due cosmonauti russi sulla ISS

Si è conclusa con successo l’attività extraveicolare russa (Russian EVA-32) sulla stazione spaziale internazionale (ISS). Pavel Vinogradov e Roman Romanenko, membri dell’Expedition 35, hanno completato l’EVA in poco più di sei ore e mezza, istallando un nuovo esperimento, riportandone all’interno della ISS alcuni altri e rimpiazzando un retro-riflettore guasto.

La passeggiata spaziale, la 167-esima in totale a supporto della ISS, è cominciata venerdì pomeriggio alle 16:03 CEST quando Vinogradov e Romanenko sono usciti all’esterno della ISS dal portello del modulo Pirs. Il primo obiettivo è stata l’istallazione dell’esperimento Obstanovka all’esterno del modulo Zvezda. Obstanovka studierà gli effetti della meteorologia spaziale sulla ionosfera terrestre. Durante il lavoro di istallazione dell’esperimento i due cosmonauti hanno anche sostituito un retro-reflettore guasto che fa parte del sistema di guida per il docking automatico dell’Automated Transfer Vehicle (ATV) europeo. Il dispositivo aveva dato dei problemi durante l’avvicinamento di ATV-2 “Johannes Kepler” e ATV-3 “Edoardo Amaldi”, mentre il nuovo rimpiazzo verrà utilizzato durante il docking di ATV-4 “Albert Einstein” che arriverà sulla ISS a breve.

Successivamente i due cosmonauti hanno recuperato l’esperimento Biorisk dal modulo Pirs. L’esperimento serviva a studiare l’effetto dei microbi sulle strutture spaziali e verrà presto riportato a terra per l’analisi.

L’ultima attività della giornata per Vinogradov e Romanenko è stata il recupero di uno dei due pannelli dell’esperimento Vinoslivost. L’obiettivo di questo esperimento è lo studio del comportamento di vari materiali esposti all’ambiente spaziale. Purtroppo, durante il recupero da parte di Vinogradov, il pannello è sfuggito alla presa dell’astronauta andando irrimediabilmente perduto. L’oggetto si sta allontanando dalla ISS e la sua traiettoria non costituisce comunque nessun pericolo per il laboratorio orbitante.

Si è trattata della prima attività extraveicolare per Romanenko, mentre Vinogradov ha totalizzato un totale di 38 ore e 25 minuti in sette passeggiate spaziali. L’EVA-32 russa è la prima di un 2013 che si prospetta piuttosto movimentato per quel che riguarda le attività al di fuori della ISS. I russi hanno in programma altre cinque EVA, mentre due passeggiate spaziali (US EVA-21 e 22) sono previste da parte dei partner internazionali; a queste due EVA parteciperà l’astronauta italiano Luca Parmitano nel prossimo luglio. Il 2014 vedrà un numero ancora più alto di EVA: sono infatti programmate almeno 10 attività extraveicolari, soprattutto all’inizio dell’anno, collegate all’istallazione del nuovo modulo russo Nauka (MLM – Multipurpose Laboratory Module) che dovrebbe arrivare sulla ISS a dicembre di quest’anno.

Fonte: NASA

 

Nell’immagine di apertura: Roman Romanenko durante l’EVA russa 32 ripreso dall’astronauta NASA Tom Mashburn.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=19399

Matteo Carpentieri

Appassionato di astronomia e spazio, laureato in una più terrestre Ingegneria Ambientale. Lavora come lecturer (ricercatore) all'Università del Surrey, in Inghilterra. Scrive su AstronautiNews.it dal 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.