Lanciata Bion-M1, capsula Russa per ricerca biologica

È stata lanciata ieri da Bajkonur, con un Sojuz 2-1A, la capsula per ricerca biologica Russa Bion-M, che con i suoi ospiti a bordo rientrerà a Terra dopo un mese di missione.
Le capsule della serie Bion-M sono strettissimamente derivate dalle vetuste Vostok e vengono utilizzate periodicamente, oltre a ricerche in altri settori, per lanci di animali e altri esseri viventi nello spazio, principalmente per ricerca biologica.
Il progetto Bion, dopo una serie di 11 lanci negli anni ’70, ’80 e ’90 è stato riesumato nel 2005 con una nuova versione della capsula, la Bion-M con nuovi pannelli solari, nuovo sistema di supporto vitale e nuovo modulo di servizio. In questo nuovo programma sono previsti attualmente tre nuovi lanci, di cui questo è il primo.

A bordo di questa missione sono presenti 45 topi, 8 gerbillini (roditori dell’Asia), 15 gechi, lumache, pesci e altri microrganismi. Gli obiettivi di ricerca principali per questa missione sono la fisiologia animale nello spazio, l’analisi biologica di microrganismi e piante, le biotecnologie e gli effetti biologici delle radiazioni ionizzanti.
L’orbita prescelta è circolare a 575km di altezza e inclinazione di 64,9° sull’equatore.
La capsula rientrerà dopo 30 giorni di missione il prossimo 18 Maggio. Nello stesso lancio erano stati inclusi una serie di micro e mini satelliti, BeeSat-2, BeeSat-3, SOMP, OSSI-1 e AIST.

  Questo articolo è copyright dell'Associazione ISAA 2006-2023, ove non diversamente indicato. - Consulta la licenza. La nostra licenza non si applica agli eventuali contenuti di terze parti presenti in questo articolo, che rimangono soggetti alle condizioni del rispettivo detentore dei diritti.

Commenti

Discutiamone su ForumAstronautico.it

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.