Procede la preparazione al lancio di STS-135

Il payload canister contenente il carico di STS-135 verrà trasportato questa notte alle 3:00 CEST al Launch Pad 39A del Kennedy Space Center.

Questa mattina alla piattaforma di lancio si è provveduto allo svuotamento del propellente residuo nel sebatoio esterno dello shuttle Atlantis dopo il test di riempimento avvenuto ieri. Sabato prossimo i tecnici NASA provvederanno ad analizzare ai raggi X i rinforzi di supporto alle pareti del sebatoio esterno. Questi rinforzi sono stati applicati qualche mese fa dopo che analoghe modifiche si erano rese necessarie all’ET dello shuttle Discovery, a causa di alcune crepe scoperte prima del lancio di STS-133. Poiché l’ET attualmente montato su Atlantis è dello stesso tipo di quello utilizzato proprio  per STS-133, i manager NASA ordinarono l’applicazione degli stessi rinforzi. Il test di riempimento avvenuto ieri è stato effettuato proprio allo scopo di verificare che non ci siano problemi con il serbatoio rinforzato.

Durante il test di riempimento, la valvola principale dello SSME numero 3 di Atlantis ha registrato temperature inferiori ai livelli previsti, suggerendo un possibile problema di perdite di idrogeno liquido. Dopo aver isolato il motore incriminato i test sono proseguiti senza altri intoppi, con il ritorno a valori normali della temperatura. Una volta completate le operazioni di svuotamento in seguito al test, i tecnici NASA potranno accedere al motore e valutare se intervenire sulla valvola che ha registrato il problema. Nel caso sia necessario sostituire la valvola NASA prevede di poter procedere all’inizio della settimana prossima, senza causare alcun ritardo alla data prevista per il lancio di Atlantis, al momento fissata per il prossimo 8 luglio.

Fonte: NASA

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=15746.new#new

Matteo Carpentieri

Appassionato di astronomia e spazio, laureato in una più terrestre Ingegneria Ambientale. Lavora come lecturer (ricercatore) all'Università del Surrey, in Inghilterra. Scrive su AstronautiNews.it dal 2011.