STS-134: Flight Day 3 – Endeavour attracca alla ISS

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Come da programma la navetta spaziale Endeavour è attraccata senza problemi alla Stazione Spaziale Internazionale, alle 12.14 ora italiana del 18 maggio, concludendo a 220 miglia sopra l’Oceano Pacifico la rincorsa iniziata con lo splendido lancio di lunedì 16, e dando inizio alla fase operativa della missione.

Il comandante Mark Kelly ha guidato manualmente lo shuttle nelle manovre di approccio e attracco, che si sono svolte senza particolari problemi.
L’avvicinamento alla ISS è stata anche l’occasione per un primo test all’apparato STORRM, che verrà adottato come sistema di gestione del docking con la ISS dalle future capsule manned di NASA.
Come previsto dalle nuove regole introdotte dopo la disintegrazione dello shuttle Columbia del febbraio 2003, prima di compiere la manovra finale di attracco Endeavour ha effettuato un giro di 360° sul suo asse di beccheggio, consentendo a Cady Coleman e Paolo Nespoli, che si trovavano nel modulo Zvezda, di fotografare con potenti teleobiettivi tutto lo scudo termico della navetta.
Le immagini sono state poi inviate a terra, dove uno specifico team di ingegneri ha individuato alcune scheggiature che sono in fase di analisi approfondita. [I risultati saranno oggetto di un prossimo articolo di approfondimento – ndr]
In seguito Paolo Nespoli ha anche sorvegliato dal lato Stazione le fasi finali dell’attraccio, verificando la buona riuscita delle operazioni di collegamento e di messa in sicurezza dei rispettivi boccaporti. Accertata la perfetta tenuta ermetica del corridoio tra Endeavour e Stazione, alle 13.38 ora italiana sono stati aperti i portelli tra i due mezzi spaziali. Al tradizionale suono della campana di benvenuto, Mark E. Kelly (CMD), Gregory H. Johnson (PLT), Michael Fincke (MS1), Roberto Vittori (MS2), Andrew J. Feustel (MS3), Gregory Chamitoff (MS4) si sono uniti ai loro colleghi dell’Expedition 26/27.

Per Vittori e Nespoli l’occasione è stata particolarmente significativa: è la prima volta che due Italiani si trovano a bordo della Stazione Spaziale contemporaneamente; un piccolo ma significativo record per il nostro Paese.
Dopo un rapido momento di benvenuto e saluto ufficiale, i nuovi arrivati hanno partecipato ai briefing di sicurezza previsti dalla procedura, e si sono dedicati subito dopo all’impegnativo piano di volo previsto per la giornata.

Fincke e Vittori hanno infatti dato il via senza indugio al il trasferimento del primo dei payload stivati nel vano carico dell’Endeavour: il pallet ELC-3 (ExPRESS Logistics Carrier 3) è stato afferrato dal braccio robotico dello Shuttle, che lo ha poi trasferito alla presa di quello a bordo della ISS, l’unico capace di arrivare fino al punto di installazione previsto per questo componente.
ELC-3 è stato caricato con svariati ricambi necessari ad assicurare l’operatività della Stazione dopo il ritiro delle navette spaziali: 10 interruttori elettrici a controllo remoto, due antenne in banda S, una tanica carica di 270 kg di ammoniaca per il sistema di raffreddamento, una bombola di ossigeno ad alta pressione destinata al modulo Airlock Quest, e una parte di ricambio per il braccio robotico. A concludere il carico vi sono anche alcuni mini esperimenti di provenienza militare.

Tutte le operazioni si sono concluse con successo intorno alle 18.30 italiane, e al termine di una intensissima giornata di lavoro l’equipaggio dello Shuttle è andato a riposare verso le 20.56 ora italiana, seguito due ore e mezzo dopo dai colleghi della ISS.
Il giorno di missione 4 sarà principalmente dedicato al posizionamento di AMS-2 nella sua sede di installazione sul Truss della ISS, e ai preparativi per la prima attività extraveicolare prevista per il Flight Day 5.

Ecco il piano di volo dettagliato per il Flight Day 4 con orari italiani.
Gio 07:56...02...17...00...00...SRMS grapplesS
Gio 08:01...02...17...05...00...ISS crew wakeup
Gio 08:21...02...17...25...00...SRMS unberthsS
Gio 09:01...02...18...05...00...SSRMS grapplesS
Gio 09:26...02...18...30...00...SRMS ungrapplesS
Gio 09:31...02...18...35...00...ISS daily planning conference
Gio 09:41...02...18...45...00...SSRMS movesS to attach point
Gio 10:31...02...19...35...00...AMS PGSC deactivation
Gio 10:41...02...19...45...00...SSRMS installsS (stage one)
Gio 10:56...02...20...00...00...SSRMS installsS (stage two)
Gio 11:16...02...20...20...00...EVA-1: Equipment lock preps
Gio 11:26...02...20...30...00...AMS umbilical mate
Gio 11:41...02...20...45...00...SSRMS releasesS
Gio 12:11...02...21...15...00...PAO event
Gio 12:31...02...21...35...00...Crew meals begin
Gio 14:01...02...23...05...00...Quick-disconnect familiarization
Gio 14:31...02...23...35...00...EVA-1: Tools configured
Gio 16:01...03...01...05...00...PAO event
Gio 16:21...03...01...25...00...EVA-1: Procedures review
Gio 18:51...03...03...55...00...EVA-1: Mask prebreathe/tool config
Gio 19:36...03...04...40...00...EVA-1: Airlock depress to 10.2 psi
Gio 19:56...03...05...00...00...Garan sleep begins
Gio 20:01...03...05...05...00...Soyuz departure preps
Gio 20:26...03...05...30...00...STS crew sleep begins
Gio 21:01...03...06...05...00...ISS daily planning conference
Gio 23:31...03...08...35...00...ISS crew sleep begins

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=15555.new#new

Marco Zambianchi

Spacecraft Analyst per la missione Gaia presso ESA/ESOC, è fondatore di ForumAstronautico.it, e co-fondatore di AstronautiCAST. Conferenziere di astronautica al Planetario di Lecco fino al 2012, scrive ora su AstronautiNEWS ed è Presidente dell'associazione ISAA.

Potrebbero interessarti anche...