ISS Daily Report – Venerdì 01 Aprile 2011

ISS Daily Report Venerdì 01 Aprile 2011

All’interno di KIBO, Cady ha eseguito il service all’esperimento Nanoskeleton che in questo momento è in corso di svolgimento. Paolo Nespoli ha invece eseguito un ulteriore service al BXF in svolgimento all’interno di MSG (Microgravity Science Glovebox)

I due astronauti del segmento USOS si sono quindi dedicati alle attività di preparazione del materiale per ULF6, oggi per quanto riguarda la messa a punto delle pistole ingrassatrici. Paolo ha inoltre ispezionato i due dispositivi di emergenza SAFER (Simplified Aid For EVA Rescue) che verranno montati sulle tute EMU.

Dmitri si è dedicato ad un giro di verifica sui rimanenti segmenti da ispezionare dell’impianto di ventilazione del segmento russo, utilizzando poi l’aspirapolvere per le grate dei vari pannelli con griglie e filtri per la raccolta della polvere.

Cady Coleman ha lavorato in US Lab al rack Express-6 eseguendo il set up del suo RIC (Rack Interface Controller) per l’installazione di software aggiornato.

Alle 3:45am EDT, l’equipaggio ha eseguito il regolare tag up con il controllo di volo russo presso TsUP Mosca e in collegamento telefonico con MCC- Houston.
Alle 8:50am, Dmitri si è collegato con il team che segue il magazzino di bordo per riferire sugli ultimi aggiornamenti.

Allerta detriti: a seguito di una possible congiunzione con l’oggetto 34443 (un detrito derivato dalla collisione tra un vecchio satellite COSMOS e uno della costellazione IRIDIUM), una manovra DAM (Debris Avoidance Maneuver) verrà condotta stanotte con l’accensione intorno alle 10:36pm EDT (un delta-V previsto di 0,5 m/s). Per la manovra di spostamento della Stazione verranno utilizzati i propulsori di ATV Keplero, mentre il SM con i suoi thrusters apporterà le eventuali correzioni in qualità di controllo di assetto, e i propulsori della Progress 41P il controllo di rollio.

CEVIS Troubleshooting: dopo lo stop di alcuni giorni fa, una ulteriore verifica ha portato all’individuazione di una unità ORU (On-orbit Replacement Unit) come origine del rumore anomalo. Gli specialisti allestiranno pertanto le necessarie procedure di sostituzione.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.