ISS Daily Report – Martedì 17 Agosto 2010

ISS Daily Report Martedì 17 Agosto 2010

Il comandante Skvortsov ha iniziato la prima parte del rilevamento acustico puntuale, ogni membro dell’equipaggio indossa un sensore per misurare il livello di rumore che “investe” il singolo astronauta. Sono interessati Tracy, Kornienko e lo stesso Skvortsov che dovranno indossare per 24 ore un kit con microfono sul colletto della Tshirt. Domani si eseguirà il rilevamento statico.

Wheelock per sicurezza ha chiuso tutte le protezioni degli oblò (Cupola compresa) prima che avvenga lo shutdown del CMG1 (Control Moment Gyroscope 1) e del relativo sistema di accensione motori per la correzione di assetto. L’evento si deve al fatto che per i controlli pre-attivazione di ETCS e di Loop-A si dovranno eseguire alcuni spegnimenti e riavvii di alcune unita DDCU (DC-to-DC Converter Units) ma soprattutto, per evitare eventuali danneggiamenti nel momento in cui si va a ripristinare/scollegare i vari by-pass elettrici eseguiti all’inizio dell’emergenza.
Shannon si è occupata dei by-pass e successivamente, da remoto, a tempo debito sono stati riattivati i vari sistemi (lo stesso CMG1, CMG4, Kibo e Columbus).

Alle 12:00 pm, Tracy, Whellock e Shannon hanno condotto una riunione in teleconferenza con gli specialisti per discutere le fasi di EVA-17.

I tre astronauti russi, si sono occupati del periodico inventario che riguarda nello specifico l’equipaggiamento per le attività extraveicolari russe. Yurchikhin ha poi lavorato in MRM2 su vari cablaggi del sistema KURS e dei cavi di alimentazione.

Dopo che ieri si era preparato il materiale, Skvortsov si è riservato un paio d’ore per l’ispezione degli oblò. Utilizzando semplici attrezzi come un righello, nastro adesivo, una squadra a triangolo equilatero, un “metro” flessibile e la Nikon D2X, sono stati esaminati attentamente gli oblò. In questa verifica si cercano eventuali anomalie e/o loro variazioni (comparsa di nuove cavità, graffi, scolorimenti, macchie o una riduzione della trasparenza, oppure un aumento delle dimensioni dei vecchi difetti).

CEO (Crew Earth Observation): il target di oggi sono i vasti incendi del bacino amazzonico in Brasile, che non accennano a diminuire. Gli incendi sono incontrollabili e si osservano vaste aree di fumo che si alzano in quota.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.