ISS Daily Report – Martedì 14 Settembre 2010

ISS Daily Report Martedì 14 Settembre 2010

In data di oggi ma di 51 anni fa, la sonda sovieta Luna2 andava ad impattare sulla superficie lunare, diventando il primo oggetto costruito dall’uomo ad aver raggiunto il nostro satellite.

Shannon ha dato il suo supporto al payload ESA SODI (Selectable Optical Diagnostics Instrument) in Columbus che comporta l’attivazione di MSG (Microgravity Science Glovebox). Con questa fase, è stata completata l’installazione già parzialmente eseguita con altro hardware, nei giorni scorsi.

Skvortsov & Kornienko, hanno eseguito il periodico checkout fisico (un paio ore), inerente al protocollo cardiomedico russo, che utilizza dati in telemetria inviati all’RGS (Russian Groundsite) via VHF. Kardiomed, utilizza un sistema composto da un elettrocardiografo, la misurazione della pressione sanguigna e un set di 5 elettrodi.

Kornienko ha successivamente allestito l’equipaggiamento SSTV (Slow Scan TV), un esperimento di carattere educational. Si tratta essenzialmente di un collegamento ARISS (Amateur Radio from ISS) radioamatoriale, in cui utilizza radioricevitore Kenwood VS-N1 per l’invio di immagini fotografiche.

Wheelock ha lavorato per un’ora al trasferimento di materiale US dal nuovo cargo, con lui Yurchikhin che sballava il materiale russo e aggiornava man mano l’IMS (Inventory Management System).

Nel laboratorio giapponese KIBO, Shannon ha preparato il materiale per un nuovo JAXA EPO (Educational Payload Operations), un progetto dal curioso nome “Message in a Bottle” (or SpaceBottle). Dopo una conferenza con il capoprogetto, Shannon impugnando la bottiglia ha registrato un videomessaggio in cui dice sostanzialmente che “la bottiglia conterrà lo Spazio esterno”, ha quindi aggiunto la data odierna e la sua firma direttamente sulla superficie esterna della bottiglia. Lo scopo di questo “messaggio in bottiglia” vuole essere ovviamente di carattere simbolico.
La bottiglia quando rientrerà a Terra verrà esposta in un museo, insieme al videomessaggio di Shannon, ad una descrizione della missione e con le fotografie della passeggiata spaziale in cui uno degli astronauti la porterà con se (e la “riempirà” con lo Spazio esterno). Come si diceva, un momento simbolico per indicare come le interfacce Spazio/Terra possano essere molteplici, oggi come in futuro.

Alle 6:25 am, Shannon Walker ha avviato un collegamento radioamatoriale con gli studenti della Western Australia in Perth.

Reboost: una accensione e programmata per domani mattina alle 5:04 am EDT. Verranno utilizzati i propulsori della nuova Progress 39P, lo scopo del reboost e di agevolare la partenza e l’atterraggio di TMA-18, ed in parte l’arrivo di TMA-20. Verso la metà di Ottobre ne verrà eseguito un’altro, in vista di Progress 40P e STS-133.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.