Iridium nello spazio con SpaceX

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Iridium Communications e Space Exploration Technologies hanno annunciato di aver siglato un accordo che prevede l’impiego del vettore Falcon 9 per immettere in orbita i satelliti della nuova costellazione Iridium, chiamata NEXT. Il contratto ha un valore di quasi mezzo miliardo di dollari, e rappresenta la piu’ grande commessa privata mai aggiudicata in campo spaziale.

Il Falcon dovra’ inserire in orbita bassa piu’ di un satellite alla volta, partendo dalla base USAF di Vanderberg, in California. I lanci sono previsti tra il 2015 ed il 2017.

Ci si aspetta comunque che Iridium raggiunga accordi con almeno un altro fornitore di vettori; la spesa complessiva per immettere in orbita l’intera costellazione NEXT di satelliti per telecomunicazioni e’ valutata in 2,9 miliardi di dollari.

Matt Desch, amministratore delegato di Iridium ha affermato che SpaceX e’ stata in grado di formulare una proposta altamente affidabile e dai costi molto competitivi. Sono gia’ state riservate ad Iridium alcune finestre di lancio in un manifesto che al momento prevede 24 partenze del Falcon 9. Inoltre SpaceX collabora da tempo con Iridium e Thales Alenia, primo fornitore del programma NEXT, per garantire la piena compatibilita’ tra il progetto del Falcon e quello dei satelliti. L’integrazione risultante fa sperare in molti anni di proficua collaborazione tra le tre industrie.

L’accordo segue di pochi giorni il lancio inaugurale del Falcon 9, che ha raggiunto il 100% degli obiettivi previsti. Il lanciatore medio/pesante di SpaceX deve giocare un ruolo determinante nei nuovi programmi NASA che ne prevedono l’impiego (congiuntamente alla capsula Dragon) per il rifornimento dell’ISS nonche’, in un possibile prossimo futuro, per il trasporto di astronauti verso la stazione orbitante.

Fonte: Iridium

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=13494.new#new

Paolo Actis

Paolo collabora con AstronautiNEWS fin dal maggio 2008.

Potrebbero interessarti anche...