ISS Daily Report – Venerdì 30 Aprile 2010

ISS Daily Report Venerdì 30 Aprile 2010

Il comandante Kotov ha condotto la periodica manutenzione del sistema di rimozione impurità, iniziando la rigenerazione di una unità assorbente inserendola nel relativo generatore (la seconda unità filtro era stata rigenerata ieri). Queste operazioni di rigenerazione vengono ripetute ogni 20 giorni e impiegano circa 12 ore per completarsi. Solitamente, vengono eseguite durante il periodo di riposo

Mikhail ha iniziato ad allestire il contenitore termostatico e il refrigeratore Kriogem per poter da subito, proteggere il materiale sperimentale in arrivo domani con il cargo Progress.

Soichi ha lavorato parecchie ore in Nodo3 al sistema WRS-2 (Water Recovery System) per sostituire il componente RFTA (Recycle Filter Tank Assembly – gruppo filtro per il serbatoio di riciclo) come pianificato tempo fa. Il vecchio gruppo verrà fatto rientrare a Terra per le analisi e/o revisione.

In preparazione del docking del cargo, Kotov e Alexander hanno eseguito, in contatto con un istruttore TORU (TsUP Mosca), un’ulteriore esercitazione con il sistema di telecontrollo. TORU può essere monitorato da Mosca attraverso le stazioni terrestri e via Ku-band da Houston, ma non può essere utilizzato da remoto. Il giorno 01/05 il KURS della Progress 37P sarà attivato alle 1:01 pm EDT e la controparte presente nel modulo SM, due minuti dopo.
Gli illuminatori della Progress verranno accesi a circa 8 Km, seguirà alle 2:12 pm un flyaround della porta DC-1 (a circa 400 metri con illuminazione solare – sunlight), poi ci sarà un avvicinamento a 170 metri (sempre in sunlight), e un successivo final approach alle 2:24 pm con il contatto fisico alle 2:34 (after sunset, dopo il “tramonto” del Sole).

T2 COLBERT: l’attrezzatura ginnica non ha ancora avuto il via libera per il suo uso, sebbene l’ispezione del materiale fotografico non abbia fatto emergere nulla di particolarmente anomalo. Sono stati accertati spazi superiori sufficienti, ma dalle fotografie (per problemi di parallasse) non si capisce bene i giochi inferiori tra T2 e il suo rack di contenimento. Ad ogni modo una volta che T2 è completamente centrato e allineato, verrà fatto un “bump test” per verificare se c’è gioco a sufficienza su tutti i lati del rack.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.