Eseguito con successo il PA-1 di Orion

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Si è svolto con successo il primo test in volo del sistema di fuga dal pad di Orion.
Alle 15:00 esatte, ora italiana, si è svolto all’Orion Abort Flight Test Launch Complex 32E all’interno del U.S. Army’s White Sands Missile Range nel New Mexico, con una durata complessiva di 2 minuti e 14 secondi.
Tutte le fasi di volo, da quella di accensione dei motori a propulsione solida fino al dispiegamento dei paracadute e infine all’atterraggio, si sono svolte senza anomalie rilevate facendo subito propendere per una buona riuscita generale del test, impressione poi confermata nella conferenza stampa successiva.

La capsula ha toccato il suolo a 2100m dal pad, leggermente più distante del previsto e ad una velocità di 7 m/s, 2.6 m/s più lentamente del previsto, ma velocità che nei test successivi, utilizzando i paracadute definitivi e non gli attuali previsti solo per la prima fase prototipale, dovrebbe ulteriormente scendere.
L’accelerazione massima misurata è stata di 16G ma si spera di ridurla a non più di 10G durante tutte le fasi del volo.
Il propulsore da 230ton di spinta ha infatti accelerato la capsula fino a 750km/h in appena 2.5 sec.

Il mockup utilizzato, cablato appositamente per questo test non verrà utilizzato per altri voli.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.