ISS Daily Report – Mercoledì 07 Aprile 2010

ISS Daily Report Mercoledì 07 Aprile 2010

Prima dell’attracco dello Shuttle il comandante Kotov ha configurato il sistema di comunicazione STTS, e sono stati fatti gli ultimi controlli, tra i quali:
* attivazione IZGIB per registrazione sollecitazioni strutturali (al pari del sistema IWIS americano)
* predisposizione alla attività di RPM (documentazione fotografica dello scudo termico dello Shutlle effettuato da bordo della Stazione).
* attivazione dell’apparato CUP RWS che presiede all’attività del braccio robotico SSMRS e delle sue telecamere.

Poco prima dell’attracco Noguchi, Creamer e Caldwell-Dyson hanno configurato il sistema di controllo assetto russo MCS in modalità automatica per il “contatto su PMA2”. Una volta captato e confermato l’attracco fisico dello Shuttle, il sistema di correzione di assetto della Stazione si seleziona in modalità di volo libero, per evitare accensioni automatiche durante la fase di assorbimento/assestamento, della sollecitazione dovuta all’attracco dell’orbiter.

Alle 3:44 am EDT, lo Shuttle Discovery ha dolcemente attraccato al boccaporto di PMA2, chiudendo i ganci alle 3:59 accoppiandoai in modo rigido con la ISS. L’attività fotografica durante la manovra RPM in fase di avvicinamento è stata eseguita senza problemi. Dopo la verifica di tenuta stagna, il portellone è stato aperto alle 5:11 am. A bordo della ISS si trovano 13 astronauti tra cui 4 donne contemporaneamente, dopo la cerimonia di benvenuto è stato tenuto un briefing sulle procedure di sicurezza.

Una volta terminate le operazioni di attracco, la Stazione come di consueto è stata ri-orientata per minimizzare i rischi di impatto di detriti e micrometeoriti sullo Shuttle.

Per Soichi Noguchi il compito più urgente è stato quello di trasferire l’Ultrabay HDD (hard disk drive) con le registrazioni video dell’ispezione dello scudo termico alla ISS. Una volta inserito nel rack dei sistemi SSC è iniziata la procedura per il trasferimento a Terra della documentazione video (un file trasformato in AVI, di circa 40 Gb).

  Questo articolo è © 2006-2019 dell'Associazione ISAA - Alcuni diritti riservati.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.