L’ESA sceglie TAS ed OHB per la terza generazione di satelliti Meteosat

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Thales Alenia Space è stata selezionata dall’European Space Agency per entrare nella fase conclusiva dei negoziati relativi alle proposte per la terza generazione dei satelliti Meteosat (Meteosat Third Generation), per conto dell’Eumetsat, l’European Meteorological Satellite Organization. La Thales Alenia Space France, come primo appaltatore, ha sottoposto una proposta assieme al costruttore tedesco OHB che ha soddisfatto i requisiti richiesti dall’ESA.

Il programma Meteosat Third Generation è composto da sei satelliti; quattro satelliti per immagini e due opereranno da sonde atmosferiche. I satelliti per immagini trasmetteranno un’immagine ogni 10 minuti ed opereranno in 16 bande, mentre gli analizzatori atmosferici determineranno i profili termici ed igrometrici su colonne atmosferiche verticali. I satelliti MTG trasporteranno anche un payload ultravioletto sviluppato per il programma GMES (Global Monitoring for Environment and Security) per l’analisi dei costituenti gassosi dell’atmosfera.
Con la loro migliorata risoluzione, la loro possibilità di effettuare misurazioni continue integrando le osservazioni visuali ai dati analitici dei sondaggi atmosferici, i satelliti Meteosat Third Generation hanno l’obiettivo il miglioramento dell’accuratezza delle previsioni meteorologiche e dei relativi modelli.

La proposta fatta da TAS, è stata sviluppata in stretta collaborazione con l’OHB, e rappresenta un raro caso di eccellente teamwork franco-germanico. Essa coinvolge i siti della TAS di Cannes e di Tolosa, oltre a quelli di Brema e Monaco della OHB. I risultati di questo lavoro internazionale accrescono il valore degli investimenti effettuati dall’ESA e dai governi nazionali sulle piattaforme satellitari e sulle strumentazioni, riutilizzando la piccola piattaforma GEO sviluppata dall’ESA.

“L’ESA e l’Eumetsat hanno scelto Thales Alenia Space, in partnership con l’OHB per lo sviluppo del programma MTG grazie all’eccellenza tecnica ed alla competitività della nostra proposta,” ha affermato Reynald Seznec, presidente ed amministratore delegato di Thales Alenia Space. “Siamo molto orgogliosi di essere stati prescelti per intraprendere la sfida di costruire i più ambiziosi satelliti geostazionari mai realizzati in Europa. Questo risultato conferma chiaramente la nostra esperienza nella meteorologia spaziale, oltre al nostro impegno nell’indirizzare le sfide molteplici dei cambiamenti climatici, del management ambientale e dello sviluppo sostenibile.”

Thales Alenia Space ha sviluppato negli ultimi 30 anni la varietà di esperienze e di capacità necessarie allo sviluppo della meteorologia dallo spazio. L’azienda ha infatti costruito tutti ed 11 i satelliti Meteosat della prima e della seconda generazione ed ha accumulato una vasta esperienza nella gestione di consorzi internazionali, nella raccolta di immagini ottiche e dell’analisi atmosferica, oltre che nella costruzione di piattaforme stabilizzate sui tre assi.

Fonte: Thales Alenia Space

Luca Frigerio

Impiegato nel campo delle materie plastiche e da sempre appassionato di spazio. E' iscritto a forumastronautico.it dal Novembre 2005 e da diversi anni sfoga parte della sua passione scrivendo per astronautinews.it. E' consigliere dell'Associazione Italiana per l'Astronautica e lo Spazio (ISAA)