ISS Daily Report – Lunedì 01 Marzo 2010

ISS Daily Report  Lunedì 01 Marzo 2010

In preparazione del rientro sulla Terra il prossimo 18 Marzo, Jeff Williams e Maxim Suraev si sono sottoposti alla loro prima sessione cardivascolare prevista dal protocollo medico russo.

Lavorando all’interno del modulo logistico di Kibo (JLP), Soichi ha fatto spazio per un paio di racks, rimuovendo le ultime forniture di viveri arrivate e spoastando IRED (Interim Resistive Exercise Device) in Nodo3. Tutto ciò per far spazio al nuovo ZSR (Zero-G Stowage Rack) che arriverà con il prossimo Shuttle. Per l’occasione, ha iniziato anche le operazioni di imballaggio per il materiale che rientrerà con STS-131.

Con la conclusione della prima sessione di TROPI2, TJ Creamer ha dato inizio ad un nuovo giro sostituendo l’unità sperimentale precedente con una nuova. Quest’ultima resterà attivà con altri parametri per un periodo di 6 giorni.

Oleg Kotov ha condotto un’ispezione della paratia nel working compartment di SM alla ricerca di depositi, muffa e corrosioni. L’ispezione è stata estesa anche al fondo del tapis roulant TVIS (dove in passato erano stati trovati depositi da ripulire). L’ispezione della paratia perimetrale, verniciata come da consuetudine russa in verde, si avvale di semplici strumenti quali tovaglioli e/o straccetti puliti, strofinando le zone in questione. L’attenzione viene posta soprattutto alle variazioni di colore, alle eventuali cavità e porosità e se si trova qualcosa di simile, devono essere misurati nella loro “profondità” (in questo caso il metodo più semplice è prendere il calco con una gomma da masticare – chewing gum). Oleg si è dedicato inoltre al completamento e al collaudo del nuovo BRI (router) e relativa rete. In SM ha quindi collegato nuovi cavi ai laptop RSS1 e 2, ed eseguito test con software specifico.

Il programma odierno di Soichi Noguchi prevede una serie di piccoli tasks, alcuni dei quali:
* riposizionamento del TOCA (Total Organic Carbon Analyzer) in Nodo3.
* ispezione funzionamento di ARED
* ispezione dei dispositivi antincendio
Soichi si è inoltre dedicato all’esperimento giapponese NANOSKELETON (è uno degli esperimenti di microgravità condotti per applicazioni industriali. Nanoskeleton è una parola coniata per i nuovi nano-materiali) e vuole indagare gli effetti della gravità, nel corso di un processo di reazione chimica.

Dopo che per un’ora l’atmosfera della Stazione è stata “rinfrescata” con Ossigeno proveniente dal serbatoio della Progress 36P, Maxim ha eseguito un test della qualità dell’aria, prelevando campioni da riportare a Terra.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.