ISS Daily Report – Martedì 16 Febbraio 2010

ISS Daily Report  Martedì 16 Febbraio 2010

Dopo le recenti e intense giornate di lavoro, oggi si opera a regime moderato.

TJ Creamer si è sottoposto al suo secondo prelievo di campioni di saliva, secondo il protocollo Integrated Immune. Oleg, Maxim, Williams, Noguchi e lo stesso Creamer hanno iniziato le sessione medica valutativa, che si esegue prima di colazione e che implica la misurazione della massa corporea usando il dispositivo misuratore Russo.

Con 11 persone a bordo e le attività svolte, Kotov ha eseguito una verifica sull’andamento della ventilazione nei pressi dei vari accessi intermodulari e in tutto il segmento Russo. Maxim e Oleg hanno inoltre condotto un ulteriore aggiornamento dei laptop ausiliari con antivirus Norton AV, e una serie di test con un analizzatore ad ultrasuoni e un igrometro, per verificare potenziali formazioni di condensa dietro alcuni pannelli

Soichi ha quindi avviato il sistema CBCS in Nodo3 e assistito da Jeff, il sistema CBM, da quel momento è iniziata la separazione di PMA-3 da Nodo2 (porta zenith) e il suo trasferimento fino al boccaporto in cui si trovava Cupola. Le operazioni vere e proprie con il braccio SSRMS sono state condotte da Patrick e Behnken. Successivamente al rilascio di PMA-3, SSRMS è stato spostato nei pressi del giunto di rotazione dei radiatori (lungo il traliccio principale) per la buona posizione da cui osservare la nuova configurazione ed eseguire riprese fotografiche.

Nel frattempo, Terry Virts e Kay Hire hanno lavorato dall’interno all’allestimento di Cupola con ATU (Audio Terminal Unit) e UOP (Utility Outlet Panel). Soprattutto ATU ha richiesto la rimozione dell’angolo di un pannello ereditato dalla configurazione di lancio, e che creava interferenza tra le parti. Altre attività sono state:
* rimozione delle varie protezioni e coperture isolanti.
* riconfigurazione del circuito termico.
* rimozione del dispositivo CBCS che era servito in fase di riposizionamento.
* allacciare i connettori di alimentazione e dati.
* chiusura portello e depressurizzazione di Cupola a circa 0,5 bar per eseguire un test approfondito sulla tenuta, che durerà tutta la notte.

Soichi ha iniziato i primi test di funzionamento di ARED nella sua nuova locazione in Nodo3, in seguito TJ e Jeff hanno eseguito degli esercizi, ma sempre con lo scopo di testarne il funzionamento.
Williams ha lavorato al WPA (Water Processor Assembly) scaricando parte dell’acqua purificata in contenitori CWC. Tra l’altro UPA (Urine Processor Assembly) è riuscito a processare liquidi raggiungendo il target del 65% di riempimento, è stato quindi spento in attesa di eseguire la sostituzione della cartuccia (o dello stesso filtro) che l’altro giorno potrebbe essersi intasato.

Stamattina si è svolta la consueta ora di riunione dell’equipaggio, in cui si è discusso delle attività programmate per EVA-3. Si preparano al campout: Behnken e Patrick .
I compiti di EVA-3 prevedono lavori di completamento a PMA-3 appena spostato, lavori di completamento per Cupola (rilascio dei blocchi di sicurezza dei petali – protezioni – sui trasparenti, ecc.), più altre attività minori.

L’intero set di strumenti delle attività RWS – Robotic Work Station (laptop, manipolatori, etc) verranno spostati da Soichi nella loro destinazione finale in Cupola. Per questa IVA Soichi verrà aiutato da Steve Robinson.

Le analisi di fotogrammetria e altre osservazioni, hanno verificato la corretta distanza tra PMA-3 e il vicino sistema di radiatori TRRJ (Thermal Radiator Rotary Joint).

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.