ISS Daily Report – Martedì 12 Gennaio 2010

ISS Daily Report  Martedì 12 Gennaio 2010

All'interno di Columbus, TJ Creamer ha collegato con successo il modulo AmiA (Antimicrobial Applicator) al sistema ITCS il circuito di controllo termico. AmiA verrà lasciato collegato al sistema del Columbus per almeno 6 ore, e rilascerà all'interno del circuito una sostanza biocida.

Sochi all'interno di KIBO ha eseguito il service al payload scientifico Dewey’s Forest che richiede controlli per l'irrigazione di acqua alle piccole unità vegetali (Dewey è un payload educational, che intende mostrare come la gravità controlla le leggi della Natura e influisce sul nostro modo di pensare).

Dopo una teleconferenza con il personale giapponese del SSIPC Space Station Integration & Promotion Center/Tsukuba) in merito alla riparazione da eseguire, Soichi ha trasferito il tavolo di lavoro MWA (Maintenance Work Area) e ha iniziato a preparlo per le operazioni da eseguire.

Con il completamento della preparazione delle tute e la revisione delle procedure, Suraev ha iniziato a rimuovere le condotte di ventilazione tra DC-1 e il modulo di trasferimento di SM. Nello stesso momento Kotov lavorava al sistema di comunicazione STTS di DC-1 a scopo di esercitazione, la telemetria sarà infatti trasmessa in modalità wireless. Tutte le operazioni di preparazione sono comunque monitorate da Terra via radio.

Dopo ulteriori test di tenuta sulla Orlan-MK e relativi equipaggiamenti, i due cosmonauti hanno iniziato la vestizione con le tute termiche, le imbragature biomediche, i sacchetti di ritenuta personali, protezioni, guanti ecc. Una volta che tutto è stato pronto, alle 5:55 am i due cosmonauti sono entrati nelle tute dall'entrata posteriore.

Una volta dentro, sono stati eseguiti ulteriori controlli di funzionamento (controllo temperatura interna, sistema termico interno, ecc.).  La pressione è stata quindi ridotta a 0,4 atm e dopo si sono esercitati per circa un'ora in un training di mobilità all'interno dello stesso DC-1. Tutti questi test interni servono a verificare la risposta reale dei vari dispositivi di DC-1 a supporto dell'attività extraveicolare.
Al termine di tutte queste operazioni i due cosmonauti hanno dovuto ripristinare parte di ciò che avevano movimentato, come i consumabili delle tute Orlan-MK e le condotte per la circolazione di aria all'interno di DC-1.

Soichi e Creamer hanno lavorato insieme alla workstation del braccio SSRMS per completare le operazioni di trasferimento della piattaforma/magazzino ESP-3 nella nuova posizione.

WPA aggiornamento: dopo avere eseguito un flussaggio in direzione contraria per sbloccare eventuali ostruzioni del circuito, apparentemente, la situazione sembra essere migliorata. I primi test sono positivi, ma si resta in attesa di procedere con il completo ciclo di processo per verificare nella realtà se il problema è stato effettivamente superato.

Qui sotto Oleg e Maxim nei test interni al modulo Pirs.
fonte: www.nasa.gov

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.