STS-135: Studio di fattibilità

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

E' in corso uno studio di fattibilità volto ad analizzare la possibile conversione della missione LON STS-335 destinata all'ultima missione del programma Space Shuttle in missione effettiva STS-135 di rifornimento alla ISS.
Anche se l'nserimento, nel caso fosse approvata, è ancora molto distante e lo studio in fase ancora embrionale sono stati divulgati alcuni dei dati che andrebbero a caratterizzare tale missione.
Attualmente l'ultima missione del programma è STS-133, con lancio previsto il 16 settembre 2010 e destinata a trasportare sulla ISS il PMM, ovvero l'MPLM Leonardo modificato per una permanenza definitiva sulla ISS e la ELC4 con una serie di ricambi non pressurizzati.
A tale missione è associata la STS-335, ovvero la missione di soccorso che avrebbe un equipaggio di 4 persone e ospiterebbe nella stiva della navetta Atlantis un modulo MPLM destinato a rifornire la ISS.
Attualmente per poter ricoprire tale funzione la navetta Atlantis verrebbe approntata al volo ad uno stadio che sarebbe vicino a quello di rollover al VAB ma senza effettuarlo e rimanendo nella OPF.
Se fosse approvata la STS-135 non sarebbe necessario prevedere una ulteriore LON in quanto l'equipaggio sarebbe di sole 4 persone (il minimo per poter raggiungere la ISS) e i soccorsi potrebbero avvenire tramite dei voli "contingency" delle Soyuz.
L'utilizzo di un equipaggio minimo e un docking solamente al quarto giorno di missione massimizzerebbero il payload trasportabile all'interno dell'MPLM Raffaello.
L'equipaggio, con tutta probabilità, sarebbe formato da Steve Lindsey e ulteriori 3 membri del suo attuale equipaggio su STS-133 liberando di conseguenza su questa missione 4 posizioni.
Per quanto riguarda l'hardware necessario non dovrebbero esserci particolari criticità in quanto già previsto per la LON, il set di SRB è già stato ordinato e la costruzione di due ulteriori ET già parzialmente iniziata oltre all'ET-122 riparato.
Una volta completato lo studio di fattibilità sarà il momento della richiesta fondi in quanto attualmente finanziata solo la LON.
La missione STS-135 potrebbe realisticamente volare fra novembre e dicembre 2010 oppure, nel caso di ritardi sul manifesto di lancio, a inizio 2011.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.