ISS Daily Report – Martedì 27 Ottobre 2009

ISS Daily Report  Martedì 27 Ottobre 2009

Dopo che ieri ha eseguito la raccolta di piante dalla greenhouse (in questo caso l’esperimento è Russo), Suraev è andato avanti con l’attivazione di un ulteriore modulo “serra” in cui è stata seminata dell’insalata di varità Mizuna (evidentemente quella che si presta meglio, per varie ragioni, a queste genere di colture).

Romanenko ha invece eseguito una IFM (inflight maintenance) al sistema di controllo termico a circuito chiuso del modulo SM. Ha sostituito il gruppo pompa con una nuova e poi ha eseguito i dovuti test, in collegamento con gli specialisti a Mosca.

Con la messa in uso del nuovo sistema per esercizi fisici FWED, Thirsk ha piazzato in Columbus un sensore remoto del sistema IWIS. Come si sa, IWIS (Internal Wireless Instrumentation System) è il sistema che monitora l’integrità e la sollecitazione strutturale della ISS. Lo scopo è di raccogliere dati dinamici dalle sollecitazioni che trasmetterà alla Stazione una volta che FWED verrà usato con regolarità.
Per quanto riguarda COLBERT, se da un punto di vista meccanico funziona in modo nominale, resta il problema di comunicazione dati con il suo associato Laptop. Nicole ha iniziato una serie di test.

La Stott e Williams hanno avuto altre 3 ore da dedicare alle operazioni cargo di HTV immagazzinando dell’altro materiale.

– alle 2:15 pm EDT, DeWinne, Thirsk, Williams e Stott hanno condotto una teleconferenza di circa mezz’ora in collegamento con gli specialisti che seguono ULF3 (missione STS-129)
– alle 5:30 am EDT, DeWinne ha eseguito un collegamento radioamatoriale con gli studenti del centro scientifico Copernicus di Varsavia, Polonia.

Problema UPA:
la teoria perseguita per il problema accaduto all’UPA, è che il liquido “perduto” si sia fermato nell’unità DA (Distillation Assembly). Comunque prima di un qualsiasi troubleshooting, si aspetterà la sostituzione del RFTA prevista per il 29/10. Successivamente verrà tentata l’individuazione del blocco con una procedura ancora in fase di studio. La sostituzione di RFTA dovrebbe inoltre prevenire ricadute in UPA del materiale che resta, qualora venisse eseguito un flussaggio/lavaggio del gruppo di distillazione DA.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.