ISS Daily Report – Mercoledì 07 Ottobre 2009

ISS Daily Report  Mercoledì 07 Ottobre 2009

Mike Barratt oggi ha controllato CDM (Carbon Dioxide Monitor) che si trova posizionato vicino all’esperimento italiano MDS (con i topolini) proprio per verificare i livelli di CO2.

Thirsk ha continuato il suo lavoro su FPEF (Fluid Physics Experiment Facility/Marangoni Surface) all’interno di Kibo. Ha eseguito collegamenti e ripulito l’hardware visto che durante il lavoro di ieri si era verificata una perdita di olio siliconico.

Nicole e Jeff da parte loro, hanno proseguito l’istallazione e configurazione del nuovo rack MSRR1 (Materials Science Research Rack 1) intenti a equipaggiarlo con il suo sofisticato ARIS (Active Rack Isolation System) ed eseguire i necessari cablaggi e collegamenti. Comunque non hanno potuto proseguire oltre perchè ad un certo punto si è verificata una anomalia su di un attuatore e si è dovuto sospendere il tutto. Ad ogni modo l’entrata in servizio di MSRR è prevista tra qualche mese.

L’installazione di COLBERT invece è andata a buon fine ed è stata completata. DeWinne oggi si è limitato alle ultime minuterie. L’attivazione e collaudo è previsto  per l’inizio della prossima settimana.

– alle 3:30 pm EDT, Mike, Frank Dewinne e Jeff si sono collegati con gli specialisti discutere una anomalia del PWD (Potable Water Dispenser).
– alle 11:55 am, Mike, Nicole, Frank, Robert e Jeff hanno partecipato ad un evento PAO TV per delle interviste, una con FOX News Radio e l’altra con un collegamento con San Pietroburgo dove era presente Curtis Kreuger.

Nel frattempo a bordo della Soyuz TMA-14 si stanno svolgendo verifiche e training come quello che ha coinvolto Padalka, Barratt e Guy Lalibertè. Hanno speso circa 3 ore all’interno del modulo di discesa della Soyuz per la preparazione standard per il rientro.

Tra l’altro di primo mattino Padalka e Barratt hanno lavorato all’interno della TMA-14 per i programmati test del Motion Control System, ed è stata riscontrata una anomalia quando uno dei motori non ha eseguito l’accensione. Normalmente questo tipo di getto non viene utilizzato per l’accensione retrograda necessaria per l’undocking, però Mosca ha programmato un secondo test per domani. L’anomalia non è catalogata come rischiosa e non dovrebbe interferire con le operazioni di undocking e rientro in atmosfera. Mosca ha inoltre riportato un’altra anomalia all’analizzatore ppCO2 (Carbon Dioxide Partial Pressure) ed è stato richiesto a Padalka di installare per sicurezza una cartuccia LiOH nuova, all’interno del modulo di discesa (l’operazione potrebbe certificare le cartucce LiOH per l’uso all’interno dei moduli di discesa Soyuz, visto che non era mai stato fatto).

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.