ARES I-X completa il primo flight test

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Alle 11.30 ora della Florida (16.30 CET), dal Pad 39B del KSC e dopo 3 ore di rinvii, è stato lanciato il prototipo del nuovo vettore NASA, Ares I-X, per un volo suborbitale atmosferico durato circa 6 minuti, di cui 2 di spinta e 4 di ricaduta fino allo splashdown nell'oceano.

Il vettore era composto da un SRB a 5 stadi, di cui solo 4 attivi, ed un secondo stadio completamente inerte, i due stadi si sono separati al momento dell'esaurimento della spinta dell'SRB ed hanno continuato la parabola continuando a roteare su sè stessi quasi sfiorandosi.

Ares I-X era alto circa 100 m, con una spinata al decollo di 1200 tonnelate, ha raggiunto i 4,76 Mach di velocità massima con una accelerazione di 3 g, l'altezza raggiunta è stata poco inferiore ai 50 Km e la distanza al momento dell'impatto in acqua era di circa 93 Km.

Non è ancora stato chiarito se i tre paracadute del primo stadio si siano aperti regolarmente, di certo nelle ultime immagini della rocketcam di bordo si sono visti i drogue-chutes aprirsi ed alcune fonti indicano che alla fine solo due main-chutes si sono aperti, attualmente le operazioni di recupero dell'SRB sono in corso.

Seguiranno approfondimenti con il passare delle ore.

  © 2006-2019 Associazione ISAA - Alcuni diritti sono riservati.

Simone Montrasio

Appassionato di astronautica fin da bambino, gli studi e il lavoro mi hanno tenuto occupato nel settore chimico industriale fino al 2011 quando ho deciso di cambiare completamente vita e dedicarmi alla campagna. Collaboro felicemente con AstronautiNEWS dalla sua fondazione con una pausa sabbatica tra il 2011 e il 2013.