ISS Daily Report – Giovedì 10 Settembre 2009

ISS Daily Report  Giovedì 10 Settembre 2009

Nel paese del Sol Levante, alle 1:01 pm EDT, l'agenzia spaziale giapponese JAXA ha lanciato con successo da Tanegashima il cargo HTV che porta con se circa 3,5 t di rifornimenti. Dopo la corretta inserzione orbitale, HTV è stato attivato senza problemi di sorta. L'ormeggio al Nodo-2 è previsto per il giorno 17/09. HTV1 è caratterizzato da due moduli di trasporto:
– il PLC pressurizzato che ha una capacità di circa 3,4 t e mantiene una pressurizzazione di 1 atm, e in questo primo lancio contiene equipaggiamenti scientifici e rifornimenti per l'equipaggio.
– ULC non pressurizzato, ha capacità di trasporto di circa 6 ton di equipaggiamenti che possono essere esposti nello Spazio esterno, come ad esempio; batterie, unita di controllo esterne, dispositivi vari e materiali per uscite EVA.

HTV1 dopo un mese di permanenza sulla ISS è destinato a deorbitare e distruggersi sopra il Pacifico.
E' prevista la costruzione di 7 HTV.

Nel frattempo a bordo della Stazione l'equipaggio ha ripreso il suo normale ciclo di lavoro.

In preparazione di una possibile EVA in supporto all'ormeggio di HTV1, Mike Barratt ha lavorato alla rigenerazione di alcune cartucce METOX (assorbitori di CO2 all'interno delle EMU). Si è inoltre dedicato alla sistemazione di tutti quegli utensili di lavoro utilizzati durante la mission 17/A, tenendo pronti quelli che invece, potrebbero servire per HTV. In seguito, c'è stata una riunione tecnica tra Nicole, Mike e Thirsk per discutere le varie opzioni e possibilità di intervento, ripassando le possibili anomalie che potrebbero incorrere durante la fase di attracco.

Thirsk si è occupato inoltre:
– di installare la speciale camera CBCS per l'ormeggio sulla porta Nadir di Nodo-2
– riconfigurare alcuni apparati di controllo e registrazione video.

DeWinne all'interno di Columbus si è occupato del Laptop del BIOLAB, per aggionare il setting del BIOS e altri parametri, poi, spostandosi in KIBO ha attivato il terminale di controllo del braccio robotico JEMRMS per una serie di aggiornamenti eseguiti da Terra.

Nel segmento Russo, Romanenko provvedeva a “rinfrescare” l'aria con Ossigeno proveniente dal serbatoio della Progress 34P.

Sistema computerizzato russo TVM, aggiornamento:
il sistema, come successo anche all'inizio di quest'anno, ha perso un canale su tre. Al momento risultano nominali due canali. Come richiesto dalle specifiche per l'attracco della Progress, per il sistema KURS devono essere disponibili almeno due canali. Pertanto al momento, manca la ridondanza.

Topolini spaziali:
la colonia dei 6 topolini sta bene. MDS come si era detto, è un esperimento italiano in cui ha il suo principale ispiratore nel Dott. Ranieri Cancedda, dell'università di Genova. Per MDS è stato utilizzato un nuovo tipo di gabbietta/contenitore (costruito da ASI) per i sei ospiti. L'eseprimento vuole studiare le alterazioni del sistema osseo in microgravità e cercare di comprendere meglio gli effetti negativi che si verificano nel lungo termine sull'organismo umano.  foto MDS

Problema TDRSS:
il pezzo di ricambio spedito dal KSC è giunto a destinazione ed è stato installato. L'intervento ha riportando alla piena operatività i sistemi di White Sands foto WSC

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.