Il lancio di SMOS e Proba-2 rinviato a Novembre

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Il lancio congiunto dei satelliti dell’ESA SMOS e Proba-2, con un vettore Rockot, dal cosmodromo di Plesetsk nel nord della Russia, è slittato al 2 Novembre.
Questa rimpiazza la precedente data del 9 Settembre. Tale rinvio si è reso necessario in quanto a Settembre è previsto un lancio sempre nello stesso cosmodromo russo. 

Attualmente SMOS è alloggiato nelle strutture della società Thales Alenia Space, nel sud della Francia, dove ha superato l'importante revisione della accettazione del volo.

Come è noto SMOS effettuerà misure di umidità del suolo e della salinità degli oceani con precisione sino a 0,1 Unità di Salinità (PSU), per una media di trenta giorni, su di un'area di 200 x 200 km, che equivale alla rilevazione di 0,1 grammi di sale in un litro di acqua, utilizzando lo strumento Miras (Microwave Imaging Radiometer using Aperture Synthesis), sviluppato da EADS CASA Espacio, Spagna.
SMOS e costituito su una piattaforma generica chiamata Proteus fornita dalla agenzia spaziale francese CNES.

Il piccolo satellite Proba-2, che sarà lanciato assieme a SMOS, è il secondo di una serie di satelliti di piccole dimensioni e basso costo dell'ESA, utilizzato per testare nuove tecnologie spaziali.
In particolare conterrà 17 diverse apparecchiature che potranno fornire utili informazioni sul Sole e il “clima” spaziale.