DLR concorda con Roscosmos gli ultimi dettagli per il telescopio eROSITA

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Un altro passo in avanti verso il telescopio a raggi X tedesco eROSITA (extended ROentgen Survey with an Imaging Telescope Array) è stato conseguito attraverso la firma di un agreement a Mosca, tra la DLR e l'agenzia russa Roscosmos, che dovrà portare al lancio ed all'operatività dell'osservatorio spaziale nel 2012.

eROSITA sarà lanciato dal cosmodromo russo-kazako di Baikonur a bordo del satellite russo per l'osservazione alle alte energie SRG (russian Spektrum Roentgen Gamma), attraverso una Soyuz con upper stage Fregat. L'upper stage fornirà la spinta necessaria, in prossimità della terra, per il trasferimento presso il punto di Lagrange L2 del sistema Terra-Sole, nei pressi del quale orbitano anche i telescopi ESA Herschel e Planck, particolarmente adatto per missioni di astrofisica, specie alle alte energie.

L'obiettivo scientifico principale di eROSITA, costruito sotto la responsabilità del prestigioso istituto tedesco Max Planck, sarà lo studio della cosiddetta energia oscura, che si ritiene essere la fonte dell'accelerazione dell'espansione dell'universo, che dovrebbe in teoria ridursi con il solo effetto delle forze gravitazionali. Il progetto è iniziato a concretizzarsi nel 2007 quando è iniziata la costruzione degli specchi, che sono 7 con tecnologia Wolter 1 a shell, e dei rivelatori fotosensibili del piano focale che operareranno sotto gli 80 gradi Kelvin, in criogenico. Alla costruzione dell'ottica ha contribuito la società italiana Medialario, leader nelle ottiche per telescopi spaziali, che ha anche costruito le ottiche per XMM-Newton. Il payload arriverà a rilevare le energie fino a 10 keV.

L'agreement firmato ieri è quindi il passo formale per la continuazione dell'intesa tra le due agenzie spaziali, fissando ulteriori paletti e parametri economici ed ingegneristici per arrivare al lancio.