ISS Daily Report – Mercoledì 22 Luglio 2009

ISS Daily Report  Mercoledì 22 Luglio 2009

Le operazioni di EVA-3 sono state completate con successo. La passeggiata spaziale è stata eseguita da Dave Wolf e Chris Cassidy ed è durata 6 ore circa.

I compiti principali di EVA-3 erano:
* sostituzione di 2 delle 4 batterie del traliccio P6, utilizzando SSRMS (una curiosità, ogni batteria ha una massa di circa 160 Kg).
* eliminare tre coperture termoisolanti della piattaforma JEF, conservandone una, per un eventuale uso futuro.
* preparare tre payload esterni per il trasferimento alla JEF.

Per il resto dell’equipaggio di STS le attività giornaliere principali riguardavano:
* preparazione e messa a punto di tutte le attrezzature di lavoro di EVA-3
* riposizionamento di ICC dall’area WS8 in una posizione vicina al traliccio P8, il tutto utilizzando SSRMS.

Mike Barratt, si è dedicato ad alcune attività a supporto di EVA-3 e di altre strettamente legate alla vita di bordo:
* configurazione e prove con le telecamere per EVA-3, assistenza al pre-breathing e messa a punto dell’equipaggiamento EMU.
* completamento della sessione mensile CHeCS (Crew Health Care System) che prevedere esercitazioni per far fronte a procedure mediche di emergenza.
* completamento del periodico controllo sullo status del payload sperimentale CGBA (Commercial Generic Bioprocessing Apparatus) e dell’attrezzatura ENose, entrambi posizionati nell’Espress Rack 2.
* operazioni di supporto nella fase post EVA, aiutando ad organizzare il ripristino di dati, video e ripristino attrezzature.

Koichi Wakata che si è accupato della sicurezza di KIBO (chiudendo le protezioni degli oblò), ha dato una mano anche lui a Mike nelle operazioni post EVA, e terminato il trasferimento dell’Azoto dallo Shuttle.

Tim Kopra, ha supportato anch’egli la fase di pre-breathing e ha speso parecchio tempo con Koichi nella familiarizzazione con la Stazione e il passaggio delle consegne (protocolli per CEVIS, servizio di manutenzione quotidiana al SOZh – supporto vitale russo – ecc.)

Gennady Padalka,
si è accupato della documentazione fotografica dell’isolamento multistrato della Soyuz 18S, ripresa dall’oblò del modulo di discesa della stessa capsula e da uno degli oblò di Zvezda (SM). Ha poi attivato l’analizzatore di gas all’interno della Soyuz. Poi, e passato ai controlli sui contenitori di acqua ricavata dalla condensa.

Roman Romanenko,
* inventario e stoccaggio di SOGS, aggiornando IMS (Inventory Management System)
* attivazione di GA nella Soyuz 19S e controlli consolle.
* condiviso il lavoro con Padalka nell’organizzare e inventariare le attrezzature russe per EVA.
* completo aggiornamento del sistema IMS, incluse dislocazioni del materiale a bordo della Stazione e inviando gli aggiornamenti a tre differenti batabase (Huston, Mosca e Baikonur).
* esecuzione del check di funzionamento dei sensori disseminati nel segmento russo, adibiti al controllo del flusso d’aria.

Un compito aggiuntivo per DeWinne è stato la raccolta di campioni d’acqua dal segmento russo per le analisi di laboratorio.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.