ISS Daily Report – Martedì 30 Giugno 2009

ISS Daily Report  Martedì 30 Giugno 2009

La Progress M-02M/33P si è sganciata senza problemi dalla porta nadir del RS Airlock DC-1 alle 2:27 pm.
Come sempre per queste operazioni, vengono messi in sicurezza tutti quegli oblò che possono essere interessati da eventuali detriti in fuga o altro. Anche in questo caso IWIS e SDMS hanno registrato e seguito, la telemetria. Durante la separazione Romanenko ha utilizzato la fotocamera Nikon per una serie di scatti per verificare che fossero presenti le guarniture di tenuta e che non ci fossero altre anomalie sul sistema di attracco. Il cargo 33P resterà in volo per altri 12 giorni e poi come si diceva simulerà un rendevouz con l’area di attracco al PkhO del modulo SM, posizione zenith. Test che verrà eseguito il 12/07.

Romanenko ha piazzato l’attrezzatura per la sua prima sessione dell’esperimento russo DYKHANIE (Respirazione), il tutto poi controllato dal laptop medico russo RSE e verificato in tempo reale dagli scpecialisti di Terra. La sessione sperimentale a cui si è sottoposto Romanenko prevede l’uso di cinture toraciche/addominali, più altri dispositivi. Lo scopo è di studiare in dettaglio i meccanismi fisiologici della respirazione e della espansione toracica in microgravità.

Wakata, Thirsk e DeWinne hanno eseguito un check e verificato secondo un programma prestabilito alcune funzionalità di SSMRS, come FMA (Force Moment Accommodation). Questo in vista anche delle operazioni da eseguire con il cargo giapponese HTV, che verrà “catturato” utilizzando SSMRS.

Mike ha eseguito invece un troubleshooting del software di controllo di AgCAM (Agricultural Camera) e del
relativo hardware eseguendo una serie di operazioni di diagnostica. Al momento AgCAM resta ferma.

Romanenko ha riservato un po’ di tempo per il periodico controllo degli oblò presenti in SM. Utilizzando un kit di strumenti che comprendono tra l’altro; un righello, nastro adesivo, una squadra a triangolo equilatero, un “metro” flessibile e la fotocamera digitale D2X … con in mano le verifiche e i rilievi precedenti, sono stati esaminati attentamente gli oblò alla ricerca di eventuali anomalie e/o loro variazioni (comparsa di nuove cavità, graffi, scolorimenti, macchie o una riduzione della trasparenza, oppure un aumento delle dimensioni dei vecchi difetti).

Barratt ha inoltre configurato ALTEA per le operazioni DOSI (Dosimetro) e la relativa raccolta dei dati scientifici. Il sistema ALTEA DOSI in funzionamento, esegue un continuo monitoraggio delle radiazioni ambientali.

Alle 1:10 pm EDT, l’equipaggio di ISS ha presenziato ad un evento PAO TV collegandosi con gli studenti presenti al 2000 CSA ISU (International Space University) summer session.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.