ISS Daily Report – Martedì 14 Luglio 2009

ISS Daily Report  Martedì 14 Luglio 2009

DeWinne ha completato tre ore di inventario di tutti i dispositivi OpsLAN a bordo della Stazione, aggiornando il data manager IMS (Inventory Management System)

Mike Barratt ha terminato un’altra delle sessioni che implicano l’uso dello strumento di misurazione LOCAD-PTS. Mike ha inoltre associato la sessione sperimentale ad una registrazione EPO (Education Payloads Operations) in cui ha spiegato gli obiettivi che si vogliono raggiungere, con questo tipo di strumento.

Romanenko ha speso un’oretta con il tapis roulant TVIS per il periodico test di valutazione fisica. In questo caso Romanenko ha utilizzato TVIS in modalità manuale (non motorizzato) indossando un dispositivo con tre elettrodi cardiaci. Durante l’esercizio il dispositivo indossato era monitorato dal PC medico che ha registrato tutti i dati, e che saranno successivamente inviati a Terra a beneficio del team medico.

BGA 2B, aggiornamento:
Oggi i controllori di Terra hanno ripristinato la modalità nominale di autotracking del Sole. Le recenti anomalie (inceppamenti) sono probabilmente da considerarsi dovute all’alto angolo Beta che ha causato una dilatazione termica dei componenti del giunto. Ora che gli angoli Beta sono diminuiti, non sono previsti ulteriori problemi con BGA 2B (Beta Gimbal Assembly 2B).

Rapidità di risposta in manuale:
La scorsa settimana si è scoperto attraverso alcune prove che ad una risposta manuale dell’equipaggio (nel segmento Russo) a fronte di una rapida depressurizzazione, non provoca l’avvio automatizzato dei sistemi di sicurezza per il segmento USOS, sebbene risposte in segnalazioni e allarmi tra RS e USOS vengano date in modo corretto. Il problema era stato causato da un aggiornamento software del segmento RS, che però non è stato implementato nella codifica del software del segmento US. Al momento si sta lavorando alle procedure con il FCT (Flight Control Team) per poi inviare a bordo le necessarie correzioni e cognizioni. Ad ogni modo, sembra che i rischi connessi a questo fatto, fossero piuttosto bassi.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.