ISS Daily Report – Giovedì 02 Luglio 2009

ISS Daily Report  Giovedì 02 Luglio 2009

A causa delle operazioni di riposizionamento della Soyuz, in un orario particolare, il ciclo di veglia/sonno è stato leggermente modificato.

DeWinne si è occupato della messa in atto di 4 gruppi passivi FMK (Formaldehyde Monitoring Kit – per raccogliere l’eventuale presenza di formaldeide) all’interno del US Lab (sotto vicino al CEVIS) e altri posizionati dietro alcuni pannelli del modulo SM. Questi kit “sniffatori” verranno lasciati lì per 2 giorni e poi raccolti e inviati a      Terra, per le analisi del substrato sensibile alla formaldeide.

Romanenko da parte sua ha completato il periodico trasferimento dell’acqua di condensa dai CWC (Contingency Water Containers – dei semplici contenitori/serbatoi di acqua) al segmento russo per il riempimento della attrezzatura Elektron per la produzione di Ossigeno, per mezzo dell’elettrolisi.

Riposizionamento Soyuz TMA-14, l’operazione divisa in due parti, in sintesi:
* chiusura delle protezioni degli oblò
* spegnimento dell’apparato ricetrasmittente radioamatoriale per evitare interferenze alla telemetria.
* attivazione comunicazione STTS
* attivazione dei restanti sistemi della Soyuz TMA-14
* rimozione ganci di sicurezza di ancoraggio e dei meccanismi interni al boccaporto
* ingresso nella Soyuz (1.00 pm EDT circa)
* chiusura dei due boccaporti (1:35 pm EDT circa)
* svolgimento dei canonici 60 min per la verifica delle perdite.

Per la copetura video dell’evento DeWinne ha attivato uno dei Laptop configurati per la conversione video in NTSC e Ku-Band.
Poi è stata acceso il sistema video Sony HDV per la trasmissione in MPEG-2 via US OpsLAN (LAN interna) dei pacchetti “streaming video”. All’opera, è stata messa anche una telecamera esterna US.
A seguito della prova di tenuta, avvenuta con successo, Padalka, Barratt e Wakata hanno iniziato le operazioni di scancio. La ISS ha manovrato di assetto, mentre veniva eseguita la separazione fisica della Soyuz, alle 5:29 pm.

* la navicella dalla zona posteriore si è spostata di circa 25-30 mt eseguendo le manovre per impostare il nuovo allineamento.
* poi ruotando di 90° è traslata verso il segmento US, verso DC-1, passando “sotto” la Stazione, eseguendo il secondo stop di allineamento al boccaporto nadir di DC-1 sempre restanto a circa 25-30 mt di distanza.
* l’equipaggio ha eseguito una correzione visuale e ha iniziato l’avvicinamento per l’attracco alle 5:50 pm ed hanno attraccato alle 5:54 pm.
* ad aggancio avvenuto è iniziata la successiva ora di verifica perdite.
* apertura portellone e ingresso nel Airlock DC-1 alle 8:10 pm circa, e serraggio dei ganci di sicurezza.

Tutto bene.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.