ISS Daily Report – Giovedì 02 Luglio 2009

ISS Daily Report  Giovedì 02 Luglio 2009

A causa delle operazioni di riposizionamento della Soyuz, in un orario particolare, il ciclo di veglia/sonno è stato leggermente modificato.

DeWinne si è occupato della messa in atto di 4 gruppi passivi FMK (Formaldehyde Monitoring Kit – per raccogliere l’eventuale presenza di formaldeide) all’interno del US Lab (sotto vicino al CEVIS) e altri posizionati dietro alcuni pannelli del modulo SM. Questi kit “sniffatori” verranno lasciati lì per 2 giorni e poi raccolti e inviati a      Terra, per le analisi del substrato sensibile alla formaldeide.

Romanenko da parte sua ha completato il periodico trasferimento dell’acqua di condensa dai CWC (Contingency Water Containers – dei semplici contenitori/serbatoi di acqua) al segmento russo per il riempimento della attrezzatura Elektron per la produzione di Ossigeno, per mezzo dell’elettrolisi.

Riposizionamento Soyuz TMA-14, l’operazione divisa in due parti, in sintesi:
* chiusura delle protezioni degli oblò
* spegnimento dell’apparato ricetrasmittente radioamatoriale per evitare interferenze alla telemetria.
* attivazione comunicazione STTS
* attivazione dei restanti sistemi della Soyuz TMA-14
* rimozione ganci di sicurezza di ancoraggio e dei meccanismi interni al boccaporto
* ingresso nella Soyuz (1.00 pm EDT circa)
* chiusura dei due boccaporti (1:35 pm EDT circa)
* svolgimento dei canonici 60 min per la verifica delle perdite.

Per la copetura video dell’evento DeWinne ha attivato uno dei Laptop configurati per la conversione video in NTSC e Ku-Band.
Poi è stata acceso il sistema video Sony HDV per la trasmissione in MPEG-2 via US OpsLAN (LAN interna) dei pacchetti “streaming video”. All’opera, è stata messa anche una telecamera esterna US.
A seguito della prova di tenuta, avvenuta con successo, Padalka, Barratt e Wakata hanno iniziato le operazioni di scancio. La ISS ha manovrato di assetto, mentre veniva eseguita la separazione fisica della Soyuz, alle 5:29 pm.

* la navicella dalla zona posteriore si è spostata di circa 25-30 mt eseguendo le manovre per impostare il nuovo allineamento.
* poi ruotando di 90° è traslata verso il segmento US, verso DC-1, passando “sotto” la Stazione, eseguendo il secondo stop di allineamento al boccaporto nadir di DC-1 sempre restanto a circa 25-30 mt di distanza.
* l’equipaggio ha eseguito una correzione visuale e ha iniziato l’avvicinamento per l’attracco alle 5:50 pm ed hanno attraccato alle 5:54 pm.
* ad aggancio avvenuto è iniziata la successiva ora di verifica perdite.
* apertura portellone e ingresso nel Airlock DC-1 alle 8:10 pm circa, e serraggio dei ganci di sicurezza.

Tutto bene.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.