ISS Daily Report – Mercoledì 10 Giugno 2009

ISS Daily Report  Mercoledì 10 Giugno 2009

La passeggiata “interna” EVA-23 è iniziata alle 2:55 am EDT e dopo soli 12 min. si è conclusa senza problemi. Il controllo di assetto della Stazione che era sotto l’autorità del controllo Russo MCS  (Motion Control System) dalle ore 12:00 è tornato sotto l’autorità dell’US Momentum Management attorno alle 3:30 am.

Collegati solo con i cavi ombelicali Gennady e Mike hanno lavorato all’interno del SM PkhO (il piccolo compartimento/nodo che collega SM, FGB, il Pirs DC-1 e prossimamente il futuro MRM2) rimuovendo il portellone piano dalla sua sede, conformata comunque per eseguire agganci di altri elementi, e sostituendolo con un portellone conico standard. Questo portellone si rende necessario per ancorare il Mini modulo di ricerca russo MRM2, previsto per il prossimo Novembre 2009. Come si ricorda parte del lavoro era stato svolto anche durante EVA-22 con la sistemazione della apposita antenna e della posa di cablaggi con connettori elettrici e del target di guida per la fase di ormeggio.
Il Mini Modulo prevede a sua volta un portellone di attracco a cui si potranno agganciare le Soyuz, lasciando libero DC-1 per le Progress che con il loro propulsore permetteranno alla Stazione un maggiore controllo sull’assetto di rollio.
Dopo l’operazione EVA la copertuta multistrato del portellone rimosso, ha iniziato a sfaldarsi e manipolandolo si liberavano particelle nell’ambiente. I due astronauti attrezzati di occhialoni, maschere antipolvere e aspirapolvere si sono dati da fare per aspirare le particelle ripulendo il tutto.

Thirsk ha lavorato all’ARED, rimuovendo una vecchia puleggia, sostituendola con una nuova e accoppiandola nella corretta posizione aiutato da un collega. Successivamente Bob ha completato anche l’ispezione e la piccola manutenzione periodica (lubrificazione, regolazioni etc.)

Wakata da parte sua ha eseguito una ulteriore revisione dei maggiori compiti che si andranno ad affrontare con l’installazione della nuova piattaforma esterna di Kibo. La revisione ha interessato anche l’uso del braccio SSRMS. Solitamente gli OBT (On Board Training) per le operazioni robotiche non dovrebbero avvenire troppo in anticipo (non più di 10 giorni dall’azione) altrimenti le capacità acquisite per le operazioni si “degradano” un po’ come succede per le capacità di pilotaggio. Inoltre proprio l’uso del sistema MSS è talmente complesso e articolato che richiede un continuo esercizio.

Situazione OGE (Oxygen Generator System):
La situazione prevede lo “shutdown” del sistema OGS quando il delta-pressione arriverà a 23 psi. Al momento OGE è stato impostato per produrre al 100% per un massimo di 48 ore, in modo da dare extra Ossigeno all’interno della ISS, prima dello spegnimento. Dopo 48 ore, la produzione di ossigeno verrà riportata al 30% restando sul quel valore fino a quando il delta-p non arriverà a 23 psi e quindi allo spegnimento.

Aggiornamento TVIS:
Koichi ha completato le prove e sembrerebbe che ogni cosa sia a posto, nessun rumore anormale durante le prove di sollecitazione degli stabilizzatori. In ogni caso prima del via libera gli specialisti a Terra eseguiranno una loro valutazione analizzando il materiale audio video in HD trasmesso loro.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.