STS-125 Atlantis Flight Day 4

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

E' stato un successo la EVA-1 compiuta ieri da John Grunsfeld ed Andrew Feustel che per oltre 7 ore hanno lavorato sull'HST, portando a termine tutti i tasks assegnati.

Il primo compito era la sostituzione della WFPC-2 (Wide Field & Planetary Camera), che era stata installata su Hubble nel 1993 durante la prima Servicing Mission, con la nuova WFPC-3 stivata nella cargo bay di Atlantis.

Feustel, agganciato all'RMS sempre manovrato da Megan McArthur, ha avuto non poche difficoltà a svitare l'unico bullone che impediva l'estrazione della WFPC-2.
Dopo vari tentativi e dopo aver consultato i compagni a bordo e i responsabili ad Houston, Feustel ha rimosso il dispositivo di limitazione della coppia applicata alla chiave che stava utilizzando, ben sapendo di poter provocare la rottura del bullone e quindi l'impossibilità di sostituire il dispositivo.
Agendo con molta cautela ha prima esclamato di essere riuscito a far girare il bullone e quindi lo ha svitato completamente.

La WFPC-2 è stata quindi estratta dal suo alloggiamento nell'HST e riposta nella stiva dello shuttle, da cui è stata estratta la nuova WFPC-3 che è stata inserita nell'alloggiamento nel telescopio.

La EVA è quindi continuata con l'installazione e sostituzione di un computer per la gestione ed invio dei dati a terra e l'installazione di un supporto alla base del telscopio che servirà in futuro per indirizzarlo verso un rientro controllato in atmosfera.

Ultimo task è stato la sostituzione del meccanismo di chiusura dei due grandi portelloni di Hubble per facilitare il compito di apertura e chiusura nei prossimi giorni.

  © 2006-2019 Associazione ISAA - Alcuni diritti sono riservati.

Simone Montrasio

Appassionato di astronautica fin da bambino, gli studi e il lavoro mi hanno tenuto occupato nel settore chimico industriale fino al 2011 quando ho deciso di cambiare completamente vita e dedicarmi alla campagna. Collaboro felicemente con AstronautiNEWS dalla sua fondazione con una pausa sabbatica tra il 2011 ed il 2013.