ISS Daily Report – Giovedì 07 Maggio 2009

ISS Daily Report  Giovedì 07 Maggio 2009

La Progress M-02M/33P è stata lanciata consuccesso alle 2:37 EDT. Il docking presso l’attracco DC-1 della ISS è previsto per il 12 Maggio attorno alle 3:23 pm. Per il razzo della serie Soyuz-U si è trattato del 51° lancio per questo tipo di veicolo.

In preparazione della EVA Russa prevista per il 6 e il 10 Giugno (EVA22 e 23), il commander Gennady Padalka e Mike Barratt hanno cercato e raccolto gli strumenti russi, necessari al lavoro in EVA. Mike ha raccolto inoltre anche alcuni set americani (borsa raccolta rifiuti/inutilizzabili, borsa portastrumenti, gruppo illuminazione per elmetto spaziale, etc etc.)

Wakata ha completato la parte 1 della programmata operazione sul CEVIS. Un manutenzione che includerà anche un video dettagliato per poter comprendere la discrepanza che appare sul pannello, che visualizza valori di carico non conformi alla realtà.

I controllori di Terra sono riusciti ad eseguire con successo la traslazione del carrello MT (Mobile Transport) dal punto di lavoro WS-4 (Worksite 4) al punto WS-7, in preparazione per l’indagine video che riguarda la piattaforma CETA (Crew Equipment Translation Aid) e il giunto SARJ. In programma, anche l’indagine di fotogrammetria. Assieme ad essa verrà eseguito anche lo spurgo di ammoniaca, attraverso apposita valvola del radiatore S1.

PADALKA si è impegnato nel segmanto russo, per ottenere misurazioni di voltaggio nel sub-system di BITS2-12 (per la telemetria di bordo). Il voltaggio rilevato si è dimostrato nominale come da progetto, e dovrebbe escludere il sub-system PTsB. Si prosegue pertanto l’indagine di troubleshooting.

Aggiornamento UPA:
una procedura dettagliata per la rimozione della valvola di controllo, è in sviluppo. La chiave specialenon è però venuta pronta per il lancio della Progress 33P. Eventuali opzioni verranno discusse domani.

L’equipaggio ha poi condotto la regolare ed obbligatoria esercitazione per fronteggiare eventuali incendi a bordo. L’esercitazione li ha impegnati per un’ora, inclusa riunione finale in teleconferenza con il controllo di Terra. L’obiettivo primario di questa esercitazione (il più verosimile possibile) è di mantenere alto il livello di reazione in caso di incidenti. Questo tipo di esercitazione, viene sempre condotta in stretta coordinazione con i due principali controlli, Mosca e Huston.

Marino Favorido

Marino ha collaborato con AstronautiNEWS fino al settembre 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.