STS-125: Decollo anticipato all’11 Maggio

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

A seguito della riunione svoltasi quest'oggi presso il Johnson Space Center, i managers della NASA hanno deciso di emettere una Change Request (CR) per anticipare la data di lancio della missione STS-125 di assistenza all'Hubble Space Telescope di un giorno, all'11 Maggio quindi. Giovedì prossimo il Flight Readiness Review (FRR) sancirà la data ufficiale.

L'anticipo della data di lancio è stato deciso per poter godere di tre giorni di opportunità di lancio prima del lancio del Delta IV con il satellite GOES. Benché le tempistiche siano già strette, si conta di riuscire a serrare ulteriormente il lavoro in tempo per lanciare Lunedì 11 Maggio, visto che per ora, gli elementi relativi allo Shuttle sono “GO”, nonostante il team di supporto alle operazioni con Hubble abbia dichiarato di non riuscire ad essere pronto con un giorno di anticipo.
Comunque, sono allo studio delle modifiche alle varie programmazioni, che dovrebbero permettere anche al team di HST di supportare il lancio per Lunedì 11.

Nel frattempo, i lavori di allestimento dell'hardware per la missione stanno proseguendo secondo il programma, con sole due questioni in sospeso, ovvero il malfunzionamento del flash della telecamera ombelicale dell'External Tank  ed il lieve danno riportato dal pannello del radiatore di sinistra dell'Orbiter.

Sono in corso delle indagini per la risoluzione del problema con il flash della telecamera ombelicale dell'ET, visto che il suo mancato funzionamento ha impedito la cattura delle immagini del distacco dell'enorme serbatoio arancione durante il lancio della missione precedente STS-119.

Riguardo al piccolo danno al radiatore, causato dalla caduta di una boccola di una chiave a cricchetto dinamometrica, sembra essere improbabile l'esecuzione di una riparazione, benché gli ingegneri stiano ancora valutando se non ci siano stati danni negli strati più profondi del radiatore. Infatti, tramite un'analisi agli ultrasuoni, si è notato un distacco, nella zona ammaccata, fra il rivestimento superficiale e la struttura sottostante in honeycomb. Le indagini continueranno anche nei prossimi giorni per verificare la presenza si crepe nella lamiera superficiale.

Stanno proseguendo i lavori di cablaggio del payload verticale e e sono iniziati quelli degli allestimenti nel middeck.

Nelle immagini che sono (C) di KSC/NASA, si osservano due scorci del payload dell'Atlantis, che è in preparazione presso il Pad 39A del Kennedy Space Center.

Luca Frigerio

Impiegato nel campo delle materie plastiche e da sempre appassionato di spazio. E' iscritto a forumastronautico.it dal Novembre 2005 e da diversi anni sfoga parte della sua passione scrivendo per astronautinews.it. E' consigliere dell'Associazione Italiana per l'Astronautica e lo Spazio (ISAA)

Potrebbero interessarti anche...